Incessante l’attività del Museo di Capodimonte con il direttore francese  Sylvain  Bellenger  che non perde occasioni per  promuovere l’immagine di Napoli attraverso contatti internazionali.
Sabato 13 maggio (alle 9.30, sala della culla al primo piano)  ospiterà l’incontro Italia – Polonia. Nuovi percorsi di una collaborazione internazionale organizzato dal Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, dal Museo e Real Bosco di Capodimonte, dagli Amici di Capodimonte onlus, dall’Istituto Italiano di Cultura a Cracovia.
Si comincia con la presentazione del volume di Antimo Cesaro,  sottosegretario  del Ministero per i beni culturali, Arcana tabula. Il pittore. La dama. Il liocorno (Artetetra 2014) che contiene richiami alla storia dell’arte, all’antropologia culturale e alla filosofia delle scienze sociali, tradotto anche in polacco (titolo Arcana tabula. Malarz Dama Jednorożecper i tipi della Czuty Barbarzyńca Press), proprio grazie al sostegno dell’Istituto italiano di cultura a Cracovia, dove il 28 novembre 2016 si è svolto un primo incontro.

Qui sopra, la copertina del libro. In alto, il museo di Capodimonte
Qui sopra, la copertina del libro. In alto, il Museo di Capodimonte

La riflessione sulle tre dame rinascimentali – la Dama con l’ermellino di Leonardo, la Dama con liocorno di Raffaello e l’Antea di Parmigianino, capolavori e vanto di Cracovia, Roma e Napoli – introdurrà così l’incontro Italia-Polonia. Nuovi percorsi di una collaborazione internazionale.
Un ponte con il passato: altre dame rinascimentali, infatti, come Bona Sforza, regina di Polonia, nipote di Alfonso II re di Napoli, e la stessa Maria Amalia di Sassonia, figlia di Augusto III di Polonia, e sposa di Carlo di Borbone fondatore del Palazzo di Capodimonte, legarono la Polonia alla storia di Napoli.
Sarà un dibattito a più voci, sulla collaborazione fra le istituzioni culturali, scientifiche e universitarie d’Europa, in particolare tra il Museo e Real Bosco di Capodimonte e il Museo Nazionale di Cracovia, tra l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e l’Università Jagellonica di Cracovia. Moderatrice, Magdalena Wrana (Università Jagellonica di Cracovia).
Interverranno, con l’autore: Sylvain Bellenger – direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte, Tomasz Orłowski – ambasciatore della Repubblica di Polonia nella Repubblica Italiana, Giuseppe Paolisso – rettore Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, Errico di Lorenzo – presidente Associazione Amici di Capodimonte onlus, Ugo Rufino – Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Cracovia, Andrzej Betlej-Direttore del Museo Nazionale di Cracovia,  Dario Dal Verme – console onorario della Repubblica di Polonia a Napoli, Gennaro Famiglietti – console onorario della Repubblica di Bulgaria a Napoli, Agnieszka Bender – direttrice dell’Istituto Polacco di Roma.
Nella seconda parte del convegno, dalle 11.45, si confronteranno rappresentanti dell’imprenditoria campana, dell’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e dell’Ambasciata d’Italia in Polonia, con l’obiettivo di trovare opportunità di collaborazione. Napoli sempre più lanciata nell’orbita mondiale grazie anche all’amore di molti francesi che l’adorano. Incluso il neopresidente Macron.
Per saperne di più
www.museocapodimonte.beniculturali.i
Ufficio Accoglienza e valorizzazione
tel. 081 7499130 (10.00-13.00 | 15.00-17.00) tranne il mercoledì
email: mu-cap.accoglienza.capodimonte@beniculturali.it