Il Pan non ha mai smesso di essere casa della creatività nemmeno in pieno agosto. E adesso, Palazzo Roccella, in via dei Mille 60, dopo aver accolto in questa bollente estate  la terza edizione N.e.a.polis, Napoli Expò Art Polis, si prepara ad accogliere i visitatori con un nuovo fitto calendario di proposte. Tra i prossimi eventi, dal 4 (vernissage alle 17.30) al 14 settembre ospiterà la mostra “Isole nella corrente”,  organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.
In pista , un tris di artisti: 
Gabriella Gorini, Antonio Barbagallo e Fausto Morviducci. Un evento intrigante già dal titolo: autori come rivoli di un fiume alla sua foce, pronti a perdersi nel mare per poi recuperare una propria identità al cambio della marea. Nella babele della comunicazione istantanea, che lascia poco spazio al pensiero,  cercano di produrre una leggera deviazione della percezione che sposti di quel tanto che basta la lettura ordinaria e convenzionale del reale, innescando meccanismi critici capaci di toccare la sensibilità di chi osserva e  di tramsetetrgli emozioni.
Provenienti da universi di ricerca differenti, gli autori sono accomunati dalla stessa curiosità per la ricerca, per l’uso di tecniche e materiali diversi, che spesso nelle loro opere si sovrappongono o interagiscono. Dando spazio alla multiculturalità del mondo odierno e a future comtaminazioni. 
Installazioni, quelle di Gabriella Gorini, costruite grazie a opere di piccolo formato per un viaggio attraverso tempi, forme e simboli  che attraversano Oriente e Occidente.
Grandi tele, invece,  per Fausto Morviducci che reinventa la pittura camminando come un equilibrista sul filo di altri linguaggi: scultura, cinema, fumetti, poesia.
Antonio Barbagallo, invece, propone  “conversazioni col vento” , grandi stoffe dipinte da pigmenti, colori mordenti e aniline, recuperando antiche tecniche. E volando sul respiro della leggerezza.
In foto, trittico d’autori che  sarano al Pan dal 4 al 14 settembre