Un piccolo antico borgo  alle pendici del vulcano spento di Roccamonfina. Scenario suggestivo, Valogno di Sessa Aurunca  con la sua chiesa di San Michele Arcangelo. Qui la giornalista Teresa Lanna Sarà proporrà una chiacchierata con il duo artistico salernitano Claudio e Diana tra pillole musicale dei più bei classici napoletani di sempre, sabato mattina (ore 11) 13 gennaio.
Protagonista, la loro biografia, Ultimi romantici (curata da Luigi Coppola) in cui i due musicisti raccolgono i loro 30 anni  di carriera.
Un percorso, il loro, costruito passo dopo passo con pazienza, costanza, passione. Partendo negli anni ottanta  con le tournée di Pupo in giro per l’Italia, portando il meglio della musica nazionale all’estero per anni, e ritrovandosi oggi, più forti che mai, ambasciatori della  posteggia napoletana e dell’identità del territorio.
Non solo parole, ma anche musica. All’interno del testo, il cd  “Napoli era ora di Claudio e Diana & Compagnia Bella”, rivisitazione dei classici con alcuni tra i più importanti artisti campani (Tony Esposito, Joe Amoruso e Aldo Vigorito), cui si aggiunge l’inedito “Era ajere”. Con infinito amore d’arte.
In foto, il duo artistico salernitano Diana e Claudio