Al via la stagione teatrale 2015/16 di galleria Toledo. Teatro che ha una storia di 25 anni colma di successi. Testimone è Gino Curcione che ogni Natale dal 1990 nei giorni 25, 26, 27, propone in modo sempre vario e divertente il suo spettacolo “Nummere”. Le difficolt  di gestione sono difficili e molto complesse che possono essere superate solo con passione, dedizione, professionalit .
Protagonisti e autori della storia della Galleria Toledo sono Laura Angiulli nel ruolo di regia e nella direzione artistica ha al suo fianco Rosario Squillace con le sorelle Alessandra e Lavinia D’Elia. I loro sacrifici sono vissuti con delusione e rabbia causata dalle disposizioni ministeriali che ritiene il loro teatro come tanti altri “minori”, “immeritevoli” di contributi, “superflue” nella programmazione. Rabbia tenuta celata dalla voglia di fare sempre meglio, dalla passione di fare cultura, da una progettualit  innovativa e differente ogni anno. I loro sacrifici son ampiamente ripagati dalla assidua presenza di pubblico fatto in maggior parte da giovani.
La Galleria è casa di cultura ospitale, luogo di incontri tra amici per scambiare idee o appuntamenti per il dopo teatro. Gli spettatori non sono clienti per come sono accolti da Laura, Rosario e altri che collaborano nei diversi ruoli. L’assidua frequentazione è dovuta alla colta e originale programmazione che, proponendo linguaggi italiani e internazionali aperti al divenire, permette di divagare tra cinema, danza, musica, convegni oltre a teatro classico, contemporaneo, d’avanguardia.
Anche quest’anno è la donna che primeggia nella programmazione mettendo in evidenza la sua femminilit  nell’arte, i suoi sogni, il suo ruolo nella societ  e in famiglia, le sue sofferenze vittima di inganni delusioni violenze. Va in scena “Polvere” dialogo tra uomo e donna, “Loretta Strong”, “Allora sono cretina”, “La Bambola e la Putana”,torna in scena Cassandra. Le difficolt  esistenziali in un incerto futuro dei giovani con “Il Calapranzi” messo in scena da studenti dell’Accademia Belle Arti. Tra i classici “Saul”, “Otello” “Misura per Misura”,” Hamm-Let” , “Molière immaginario”. Sei episodi sul mito di Orfeo in “Lo sguardo di Orfeo”. Compagnia su Danzare propone “A Sud di quale Nord” danze del Sud Italia, Brasile, Ruanda.
“C’era una volta il manicomio” dal 6 all’8 ottobre con mostra di foto dell’ ex O.P.G. occupato dall’associazione “Je So Pazz”apre il sipario sulla nuova stagione. Lo spettacolo di Claudio Ascoli (che è anche in scena con Sissi Abbondanza) racconta il decennio 68-78 culminato nella legge Basaglia. Una storia emozionante e coinvolgente

Informazioni Galleria Toledo, Teatro stabile d’innovazione via Concezione a Montecalvario 34 80134 Napoli tel.081425037 | +39 3807643112 orari feriali 20,30- festivi ore 18

Per saperne di più
galleria.toledo@iol.it

www.facebook.com/events/1658797454364624/