Giovanni Paisiello protagonista al Ravello Festival, a 200 anni dalla morte.Paolo Isotta, uno dei massimi critici musicali italiani, venerd 15 luglio (ore 18) nella Sala dei Cavalieri della Villa, ripercorrer  la vita e le opere di un personaggio fondamentale per la storia della musica che seppe innovare il mondo del melodramma e dell’opera buffa, divenendo una delle figure più emblematiche del Settecento napoletano.
Alle parole faranno seguito le note. Al Belvedere di Villa Rufolo (ore 20) con l’Orchestra filarmonica salernitana Giuseppe Verdi, che vedr  sul podio, nella doppia veste di direttore e solista, Francesco Nicolosi. Il maestro siciliano, che ha registrato i primi cinque concerti di Paisiello nello spazio acustico unico del Teatro di Corte della Reggia di Caserta, proporr  al pubblico di Ravello l’Ouverture dall’opera Fedra e i Concerti per pianoforte n.4 in sol minore e n.5 in re maggiore.
I concerti per strumento a tastiera e orchestra, riassume lo stesso Isotta nell’affascinante Schizzo biografico che apre il catalogo della mostra per il bicentenario della morte del compositore in corso al Memus del Teatro di San Carlo -sono “opere di tale qualit  da esser poste subito dopo quelle di Mozart". Altra sfida importante per l’ensemble salernitano che ritorner  sul palco del Belvedere l’11 di agosto per il concerto all’alba, l’evento clou dell’estate musicale di Ravello.

Per saperne di più
www.ravellofestival.com

Boxoffice tel 089 858422
boxoffice@ravellofestival.com

Nella foto, Orchestra Filarmonica Salernitana Giuseppe Verdi in concerto al Senato