“I rapporti tra arte e natura sono notoriamente complessi a una prima evidenza, i due termini, con le relative catene concettuali cui rinviano, sono su versanti diametralmente opposti. Per definizione, infatti, ciò che è naturale non si d  mai per arte e viceversa.”Inizia cos il testo di Dario Giugliano che spiega “Rifletti il luogo” l’istallazione del duo LALOBA, composto da Anna Crescenzie Renata Petti, in mostra nella galleria Movimento Aperto di Ilia Tufano, a partire dal 19 aprile (inaugurazione ore 17) e fino al 10 maggio. Arte e natura, dunque, rappresentate dalla giustapposizione di un intreccio di rami di ciliegio ed un video (vincitore di ART I CARE Insideart 2013) ), che descrive la semina in una cava con alcune immagini del video stampate su PVC e fiori e frutta deformi per mutazioni genetiche.

Movimento Aperto conclude la stagione espositiva invernale con una riflessione sul rapporto tra l’uomo e la natura, due entit  che si rischia di ritenere separate, quando invece si appartengono a vicenda. L’uomo è parte dell’ambiente in cui vive e danneggiandolo ferisce se stesso. L’arte diventa il momento in cui la natura e l’uomo si vestono di significato, acquisendo una forma inedita, dettata dall’ispirazione creativa.

Prosegue Giugliano “Anna Crescenzi e Renata Petti cominciano da qui i loro lavori di installazione, spesso accompagnati da e intrecciati a operazioni videografiche, partono sempre dall’esigenza dell’interrogazione di un momento di crisi ovvero della scelta della direzione da prendere nel momento in cui ci si è resi consapevoli dell’oltrepassamento di un punto di non ritorno, nei rapporti tra il soggetto e l’ambiente circostante”.

Movimento Aperto è in via Duomo 290/c.

Nelle immagini, stampe dal video, in pvc.