Napoli ospiterà la celebrazione dellaGiornata mondiale della lingua greca”, nella aala dei baroni del Maschio Angioino, venerdì 9 e sabato 10 febbraio. Organizzata dalla Comunità Ellenica di Napoli e Campania, Dipartimento Lingua Greca e dal Coordinamento docenti licei classici, in collaborazione con il Comune di Napoli  – Assessorato alla Cultura e al Turismo e con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania e sotto il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione della Grecia, dell’Ambasciata e dell’Associazione Centrale dei Comuni della Grecia.
Iniziativa significativa per valorizzare i legami che ci legano alla cultura greca antica e per renderci componente attiva di un’eredità di straordinario rilievo. Il tema di questa edizione sarà “Le parole dei Greci”, argomento che si presta ad una varietà di declinazioni attinenti ai contenuti specifici della formazione liceale dei nostri studenti.
La partecipazione degli studenti avverrà attraverso la realizzazione di un prodotto su una parola greca di carattere civile, morale o politico, con letture di brani d’autore, brani rielaborati dagli studenti, performance teatrali o musicali e quanto altro possa essere allestito, dando ogni spazio possibile alla creatività.
La proposta di istituire una giornata mondiale della lingua e della cultura greca fu presentata per la prima volta nel 2014 da Ioannis Korinthios, allora presidente della  Federazione delle Comunità e Confraternite Elleniche in Italia, intanto venivano coinvolti licei classici di Napoli e della Campania, la diaspora in Italia e i filelleni di tutto il mondo per sostenere con la raccolta di firme questa iniziativa.
Le due giornate celebrate a Napoli, nel 2016 e 2017, videro una numerosissima partecipazione ed ebbero una notevole risonanza mediatica in tutto il mondo e così l’11 aprile 2017, dopo un voto unanime del Parlamento Ellenico, il governo di Atene promulgava finalmente l’istituzione della Giornata mondiale della lingua greca, con un decreto firmato dai ministri degli interni, esteri e pubblica istruzione.
In foto, il Partenone ad Atene