Si chiama Sniffi, è un naso elettronico che non lascia scampo agli odori. Talmente sensibile da scovarli subito. Lo ha realizzato il centro di ricerche Enea, ma a disegnarlo è stata un’architetta, Monica Massera, che lo mette in mostra in questi giorni al Pan nell’evento da lei curato con il titolo “I’Mperfect individualit  e imperfezioni in mostra – Racconto sul design”, patrocinata da Regione Campania e Comune di Napoli. Obiettivo dell’esposizione, richiamare l’attenzione dei napoletani, e non solo degli addetti ai lavori, sul design mostrando anche come un oggetto disegnato per una necessit  pratica possa soddisfare un desiderio di bellezza, come spiega la curatrice. «Quando da una necessit  concreta, da un bisogno reale, scaturisce un’ idea e questa idea diventa forma, allora nasce il design. Quando attraverso l’osservazione, lo studio di un materiale, si coglie la caratteristica di quel materiale, la sua peculiarit  e la si trasforma nella sua funzione e di conseguenza nella sua forma, allora è avvenuto qualcosa di geniale».
La genialit  in questione, visibile fino al 26 novembre nelle sale di Palazzo Roccella in via dei Mille 60 anche attraverso grafici che illustrano il procedimento di ideazione fino al prodotto finito, è quella di 15 designer campani, completata da una serie di iniziative che vi ruotano intorno. Tra queste, l’idea di un concorso “Muoviamo gli ingranaggi”, che lanciando il nuovo tipo di pasta prodotto da Antico Molino Falco, inviter  ogni anno architetti e designer a creare un nuovo formato. Il ricavato della vendita andr  alla Fondazione Santobono Pausillipon di Napoli impegnata a migliorare la vita dei piccoli pazienti.
Tra i progetti esposti, c’è anche un singolare lampadario, Diafanea (foto) che nasce dall’incontro tra il tradizionale vetro borosilicato e un’ inedita schiuma a base di silicio. Le lampade sono firmate da Enza Migliore, realizzate in collaborazione con Hypucem, spin-off del CNR e dipartimento di ingegneria chimica, dei materiali e della produzione industriale, Federico II, Napoli.
Viaggia insieme a questa mostra anche l’iniziativa “Napoli artigianato, arte, cultura e… innovazione”, organizzata dalla Confartigianato che mette in evidenza il legame tra aziende familiari e design con la partecipazione Alessio Sorrentino (coralli),Vittorio Pappalardo (poltrone), La Scarabattola (ceramiche), Bella Bri (gioielli), Sara Lubrano (gioielli), Vincenzo Di vaio (sculture), Mate (ceramiche). Comune denominatore, le vie infinite della creativit .

Designer in mostra
aaidoma – bhumi ceramiche – catalano design – chiarascarpittistudio – nicola esposito – esprimo design – lu.ze – marsia ceramiche – salvatore martorana – monica massera – enza migliore – roberto Monte – guido palestino – studio74ram – ze123design

Per saperne di più
www.comune.napoli.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/16592