Natale a Napoli. Il Comune lancia una serie di eventi per promuovere fino al 10 gennaio l’identit  millenaria della citt . Obiettivo coinvolgere turisti e cittadini. Tra le tante iniziative cittadine, lo spettacolo Perzechella e Serafina e li cunti di Natale Canti e Cunti”e nu Tiempo Antico proposto da Legambiente Parco Letterario Vesuvio Onlus. Un racconto fra canti e favole sulle tradizioni napoletane che si svolger  al Pan (Palazzo delle arti Napoli, via dei Mille, 60). Domenica 20 dicembre alle19 e alle 20.30. Con repliche alle stesse ore, domenica 27 dicembre e mercoled 6 gennaio.
Un contenitore di narrazioni che spesso nascono dall’esigenza di diffondere la storia e le tradizioni popolari, folkloristiche e leggendarie della cultura partenopea. Perzechella e Serafina sono due figure surreali, due maschere, cantastorie di professione che vivono nella citt  di Napoli da più di ottocento anni e che, di volta in volta, secondo lo spettacolo ideato, riconducono alla memoria dello spettatore, precisi squarci di vissuto urbano, attraversando secoli e vicende reali o mitologiche.
Le due cantastorie mettono a confronto le favole e le canzoni, patrimonio ancestrale dell’uomo che ritrova sempre, nel ritorno ai suoi sentimenti più antichi e radicati, la capacit  di sperare, di sognare, di esprimersi senza veli o paure. Una sorta di catarsi che utilizza elementi simbolici per affrontare in modo onirico e suggestivo le problematiche del vivere quotidiano fatto anche di contrasti, asperit  e sentimenti oscuri.
Le storie sono liberamente tratte da Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile mescolate a brani antichi della tradizione musicale popolare partenopea. In quest’intreccio tra li cunti di Perzechella (Anita Pavone) e Serafina (Tiziana Tirrito) e li canti di Lucrezia (Giovanna Panza) e Dolcespina (con la chitarra di Mariella Pandolfi) si sviscera, ancora una volta, l’amore per le tradizioni e la natura singolare dei napoletani, che forse, per davvero sono nati per la mano degli Dei, come dice la leggenda di Parthenope cadono, si rialzano e tornano persino a cantare.

Ingresso 10 euro
Per saperne di più
tel. 3388408138 (dalle 10 alle 20)

Nella foto, da sinistra, Anita Pavone e Tiziana Tirrito in un momento dello spettacolo