In una societ  dove l’apparire sconfigge l’essere, un festival della Filosofia in Magna Grecia è impresa di non poco conto. Nato del 2008, ideato e progettato Giuseppina Russo e Iriana Marini (rispettivamente presidente e vice dell’associazione omonima), ha nel proprio bilancio una imponente cifra di partecipanti, oltre diecimila i ragazzi convolti, dalle scuole di tutt’Italia. Un modo per i docenti di stimolare i giovani al pensiero conducendoli nel passato, attraverso passeggiate nei borghi dove approdarono gli antichi greci, ma anche una maniera per incentivare il lavoro delle strutture turistiche (che accolgono gli ospiti) oltre il periodo estivo e creare indotto.
Presentato stamattina, nella sua edizione cilentana (si è appena conclusa quella in Basilicata, intitolata "Uno") con la partecipazione della dirigente Maria Filippone,nel liceo Genovesi, simbolico luogo studentesco dell’impegno politico e sociale, il Festival cresce nella sua anima artistica e filosofica grazie alla regia teatrale del regista Vincenzo Maria Saggese, curatore della passeggiate degli studenti a confronto con attori (della compagnia Artefia,) interpreti dei brani filosofici e dell’artista Andrea Lucisano, organizzatore dei 6 concorsi (Musik, Rapoiesis, Filosofilm, Koreo, Slampoiesis, Filosofando), banco di prova per il talento dei ragazzi nel campo della musica, nel rap, nella danza, del cinema e della letteratura, sotto il tetto della Filosofia.
I mille ragazzi arriveranno a Vallo della Lucania luned 27 ottobre, per prendere parte all’apertura della rassegna con Musica in festa. Dalla mattina del giorno dopo, cominceranno il loro peregrinare (teatralizzato) nel pensiero dalle 8.30, nel Parco archeologico di Velia e a Castelnuovo Cilento, tuffandosi nei ragionamenti dei presocratici ma anche in quelli dei grandi pensatori tedeschi (Leibniz, Hegel, Nietzsche), per proseguire, poi, con i laboratori e elaborare la loro esperienze insieme agli altri partecipanti al festival, provenienti da differenti regioni (Lazio, Puglia, Sicilia, Basilicata). Al centro della loro esperienza, il tema del divenire, dello scorrere del tempo, della mutazione delle cose. In cammino verso, l’eudamonia, quella felicit  raggiunta solo attraverso un benefico e sereno rapporto con il mondo. Percorrendo il brivido delle emozioni.

Per saperne di più
info@filosofiamagnagrecia.it
www.filosofiafestival.it

In foto, due momenti della conferenza stampa e uno scorcio di Castelnuovo Cilento