«Ancor di più oggi, all’indomani delle stragi di Parigi, finch avrò fiato non smetterò mai di raccontare ai giovani l’orrore delle leggi razziali e delle stragi naziste». Parole di Alberta Levi Temin (napoletana di adozione dal 1945 ) che sar  mercoled 28 gennaio (ore 10) con la scrittrice Rosetta Loy all’Universit  Suor Orsola Benincasa (Corso Vittorio Emanuele 292, Napoli) per non ricordare l’orrore dell’Olocausto. L’evento è organizzato in collaborazione con il centro interuniversitario campano di ricerca bioetica diretto da Lorenzo Chieffi.

Nell’aula magna dell’Universit , a interagire con le protagoniste ci saranno
Lucio d’Alessandro, rettore dell’Universit  Suor Orsola Benincasa e dirigente dell’Istituto Scolastico, Ottavio Di Grazia, membro del comitato scientifico del primo master italiano in mediazione e comunicazione interreligiosa e interculturale , e Claudia Giordano, docente di Storia e filosofia del liceo classico e linguistico dell’Istituto scolastico Suor Orsola.
«Sar  una giornata molto importante – anticipa Claudia Giordano – perch studenti liceali e universitari potranno ascoltare e dialogare con due donne che, per ragioni e attraverso modalit  diverse, sono impegnate a trasmettere la memoria di alcuni degli anni più bui della nostra storia recente, gli anni in cui le leggi razziali privarono progressivamente gli ebrei di ogni diritto fino all’orrore dei campi di sterminio. Un dialogo fondamentale quello con le giovani generazioni perch soltanto la consapevolezza di ciò che è accaduto, che allora mancò drammaticamente agli italiani, anche a quanti non erano schierati con il fascismo, può metterci nelle condizioni di combattere anche oggi il razzismo, la xenofobia e l’integralismo, che si stanno manifestando in nuove forme, sempre più pericolose».

Anteprima del dibattito in aula magna, la lunga diretta di Run Radio, web radio dell’Universit  Suor Orsola Benincasa, che ospiter  per la giornata della memoria a partire dalle 9.30 una lunga serie di interventi di studiosi e testimoni. Tra gli altri Francesco Lucrezi, Pasquale Giustiniani e Silvio Mastrocola.
Il Suor Orsola, inoltre, insieme con gli altri atenei della Campania, affianca l’associazione “Parco della Memoria della Campania” in un importante progetto per la realizzazione di un grande Parco della Memoria nella Regione Campania e di una serie di itinerari dedicati alla memoria. Il primo passo è stata l’apertura del Museo dello Sbarco di Salerno ( www.salerno1943-1944.com )

Nelle foto, Alberta Levi Temin (in alto) e Rosetta Loy