“Cuore sportivo” (Mondadori Editore, pagg. 320, euro 65) è un volume curato da Lorenzo Ardizio e dedicato al centenario della casa automobilistica Alfa Romeo, un marchio di grande prestigio capace di affermarsi in tutto il mondo. Nei dieci capitoli del libro, ordinati cronologicamente, se ne narra la storia attraverso i modelli sportivi e da strada che hanno segnato un’epoca: vetture protagoniste del mondo delle corse, vincitrici delle Mille Miglia e di tanti gran premi, capaci di imporsi in tutte le competizioni più importanti; vetture da strada, come la Giulia e l’Alfetta, diventate in breve tempo molto popolari e diffuse sulle strade italiane.

La storia dell’Alfa Romeo è una storia tipicamente italiana, fatta di coraggio ambizione ed eccellenza tecnica. L’Alfa (Anonima lombarda fabbrica automobili) nasce ufficialmente il 24 giugno 1910 per iniziativa di alcuni imprenditori italiani e si impone subito nelle competizioni sportive con alcune vetture (la 24 HP e la Grand prix Alfa). Nel dicembre 1915 l’azienda viene rilevata dall’ingegnere napoletano Nicola Romeo e si trasforma in Alfa Romeo. Il nuovo modello realizzato dall’azienda, l’Alfa Romeo P2, conquista il ruolo di protagonista delle corse degli anni ’20 e consente l’inserimento della corona di alloro nello stemma della casa automobilistica milanese. Dopo aver mietuto per alcuni decenni vittorie in tutte le principali competizioni sportive, l’Alfa si ritira dalle corse per concentrarsi a produrre auto di serie. Il periodo coincide con l’inizio del boom economico e la prima vettura realizzata, la Giulietta Sprint, diviene la capostipite di molti modelli di successo. Dalla Giulia, la prima auto interamente progettata in galleria del vento, alla mitica Spider 1600 “Duetto”, caratterizzata dalla innovativa linea ad osso di seppia e celebrata anche dal cinema americano nel film “Il laureato” con Dustin Hoffman, dall’Alfetta berlina simbolo degli anni ’70 fino ad arrivare alla 147, che inaugura il nuovo millennio come auto dell’anno.

Lo stile, la personalit  e la cura dei dettagli tecnici sono diventati i segni caratteristici del marchio Alfa Romeo nel corso dei decenni. Per ogni capitolo di “Cuore sportivo”, un raffinato portfolio fotografico celebrato ad hoc celebra la vettura simbolo del periodo, accompagnata da una descrizione tecnica. Ogni foto è accompagnata da una lunga didascalia che comprende dettagli di cronaca, curiosit  sui piloti, approfondimenti sulle competizioni, sui modelli e sulle caratteristiche tecniche.

Nella prefazione al volume, Nick Mason, batterista dei Pink Floyd e grande appassionato di auto d’epoca, afferma: “…ogni volta che la casa lancia un nuovo modello c’è una sorta di accelerazione emotiva: il nome Alfa Romeo riesce tuttora a mantenere questa fedelt  alla propria storia… ”

Nella foto, la locandina