Una catena di solidariet  che abbraccia la Citt  della Scienza. Il polo scientifico napoletano, distrutto dall’incendio del 4 marzo, deve risorgere, è questo il dictat di associazioni, istituzioni e cittadini. A loro si è aggiunto il mondo dell’arte. “Incendium” è il progetto dell’associazione Tempo Libero una mostra d’arte e una vendita di beneficenza delle opere per sostenere la ricostruzione di Citt .
«Abbiamo chiamato a raccolta molti artisti per prestare la loro opera, subito hanno aderito spiega Clorinda Irace, presidente dell’associazione Tempo Libero Un work in progress, ancora è da stabilire la data della mostra che si terr  al Pan (Palazzo Roccella di via dei Mille, ndr) e quante saranno le opere esposte. Prevediamo un centinaio di lavori che saranno battuti all’asta, il ricavato andr  alla Citt  della Scienza. Il nostro secondo obiettivo, a lungo termine, è la creazione di un fondo di opere d’arte che saranno poi ospitate nel futuro e ricostruito polo Scientifico».
Da aprile in poi, inizier  la raccolta delle opere donate complete di scheda tecnica e la redazione del catalogo cui parteciperanno vari critici. La mostra sar  inaugurata al Palazzo delle Arti di Napoli tra maggio e giugno. La cerimonia finale si terr  a Citt  della Scienza entro giugno.
«Come dice il nostro presidente Silvestrini, le mura sono cadute ma le idee e i progetti ci sono, la speranza è che le attivit  risorgano presto spiega Valeria Fascione del comitato di Amministrazione di Citt  della Scienza. Il nostro obiettivo è ricostruire il polo dove era, come era e più bello e moderno di prima. All’atto criminale si risponde con tenacia e voglia di ricostruzione. Le iniziative a favore della Citt  sono molte e ci hanno dato la forza per andare avanti. Dunque ci siamo, si riparte».
Tra gli artisti coinvolti nel progetto Vincenzo Aulitto, Mathelda Balatresi, Giosè Bonsangue, Angelo Casciello, Gabriele Castaldo, Marina Cavaniglia, Franco Cipriano, Assunta Colucci, Vittorio Cortini, Chiara Corvino, Gianni De Tora, Gerardo Di Fiore, Mario Di Giulio, Peppe Esposito, Carlo Improta, Nicca Iovinella, Pietro Loffredo, Francesco Lucrezi, Antonio Manfredi, Luigi Pagano, Rosa Panaro, Aulo Pedicini, Vincenzo Perna, Daniela Pergreffi, Antonio Picardi, Antonio Piccolo, Gianni Pisani, Maria Racana, Michelangelo Riemma, Carmine Rezzuti, Clara Rezzuti, Quintino Scolavino, Silvana Sferza, Tony Stefanucci, Ernesto Terlizzi.
«Dobbiamo fare rete per arrivare a un risultato concreto. chiarisce Vincenzo Caputo, presidente del gruppo Giovani Imprenditori dell’Unione Industriale di Napoli. Deve rappresentare un’occasione di rilancio, unico risvolto positivo dell’immane tragedia è stato il risveglio delle coscienze. L’Unione Industriale è presente e vicina al Polo Scientifico.
Il 9 aprile ci sar  un incontro a Bruxelles tra i tre commissari europei che affronteranno questo grave problema. Il 10 aprile, a Citt  della Scienza, ci sar  un concerto nella sala Newton del Maestro Campanella, i biglietti in vendita contribuiranno alla sua rinascita. Apriranno nuovi spazi dal lato monte, il museo dei bambini di Milano ha donato una mostra sull’Equilibrio.
«Sia da mamma che da imprenditrice dobbiamo fare sentire la nostra voce – conclude Annamaria Schena, delegata Pari Opportunit  dell’Unione – affinch venga ricostruita Citt  della Scienza, che dava un grande apporto culturale e scientifico al Paese. Molti erano i progetti che interessavano e incuriosivano grandi e piccoli, devono ripartire».

Sponsor, il Gruppo Capri srl che contribuisce alla realizzazione del catalogo con i brand Alcott e Gutteridge, secondo una strategia che lo caratterizza investire in cultura, scommettendo sulla visibilit  del talento partenopeo

Per saperne di più
www.incendium.it

Nelle foto di Violetta Luongo, in alto un momento della conferenza stampa (da sinistra, Irace, Schena e Caputo). In basso, uno scorcio di Citt  della Scienza dopo l’incendio