Anche quest’anno Piazza Mercato si veste d’Epifania: dal 5 gennaio fino all’alba del 6 si trasforma in un coloratissimo mercatino pieno di dolci e giocattoli che finiranno nelle calze di grandi e piccoli E la vecchia signora attraverserà anche l’antico Borgo orefici…con dolci sorprese.
Intanto, venerdì 5 gennaio, non mancate all’appuntamento alle 17, in piazza orefici, sotto il crocifisso ligneo. L’itinerario è organizzato dall’associazione Divago in collaborazione con il Consorzio antico borgo orefici. Potrete prendere parte alla visita guidata nella zona che si estende tra corso Umberto e via Marina a Napoli, vicina al porto, da sempre destinata ad attività commerciali.
Nel Borgo gli orafi napoletani si radunarono in corporazione nel Medioevo, quando ottennero il riconoscimento ufficiale da Giovanna D’Angiò. Gli artigiani locali seppero ben presto rendersi autonomi da primi maestri orafi francesi  arrivati al seguito della corte angioina, facendo leva sulla propria inventiva e fantasia. Nel XVII secolo, il viceré Marchese del Caprio stabilì che solo in quella zona si potesse esercitare l’arte degli argentieri e degli orefici. Qui sono nate  le celebri e preziose statue del tesoro di San Gennaro.
Il Borgo Orefici continua la propria tradizione in un consorzio formato da operatori radicati nel territorio da generazioni: esercizi commerciali che propongono prodotti della tradizione orafa napoletana ma anche prestigiosi marchi internazionali.
E poco distante, in via Duca di San Donato 73, c’è la scuola  orafa la Bulla in un edificio di quattro piani recuperato dal Comune e guidato dagli imprenditori del Consorzio Borgo Orefici. Dentro, un laboratorio didattico, un’aula informatica, un’aula di disegno tecnico, un laboratorio gemmologico, laboratori orafi (foto), un centro servizi e un’area espositiva aperta al pubblico e a visite turistiche. A Palazzo la Bulla  sarà offerto un aperitivo alle 18 per proseguire nell’itinerario, attraversando la vicina piazza Mercato. Incontro imperdibile con la storia.

Necessario prenotare al tel. 081260500 oppure al 331 2217851 (anche Whatsapp)
associazionedivago@gmail.com. La partecipazione costa 10 euro da prenotare, 5 per i bambini fino a 5 anni.