Nuovo appuntamento al teatro Sannazaro per la stagione  organizzata dall’associazione Scarlatti. Lunedì 12 febbraio alle 20.30  un tuffo nella musica barocca napoletana con Antonio Florio che guida la sua Cappella Neapolitana (foto), ensemble fondato nel 1987 questa volta per una “Festa Napoletana”.
Napoli e la festa:
un binomio inscindibile in una città dove,  più che in qualsiasi altra città europea, ogni momento della esistenza umana, senza differenze di ordine sociale, è tramutato in occasione di festa pubblica. Se le piazze e le strade furono i primi luoghi dello spettacolo, i napoletani non si accontentarono e costruirono teatri dove assistere con maggiore passione a quegli spettacoli in cui era inserita la parodica rappresentazione di se stessi e dei propri gesti.
Comicità e melanconia, ironia e travestimenti, improvvisazione e languore, oltre all’impareggiabile abilità nel magnetizzare il pubblico numeroso (e rumoroso!) dell’epoca: queste erano alcune caratteristiche dei primi buffi napoletani, personalità pirotecniche che sfiorano il mito, condividendo la grande stagione dei castrati e delle canterine. Fondamentali quindi   i ruoli delle voci di Pino De Vittorio, il grande attore-cantante che meglio di chiunque altro ha saputo riproporre ai nostri giorni questa  particolare stagione del passato, e di Valentina Varriale.
Il programma, rivisitazione di un repertorio che Florio aveva già esplorato in un Cd per Naive del 2010, viene presentato per la prima volta a Napoli, e ripreso in collaborazione con i Concerti della Normale di Pisa.
Per saperne di più
info@associazionescarlatti.it
tel 081 406011
www.associazionescarlatti.it