Storia, cultura, arte, mito, musica e soprattutto teatro, sono questi gli ingredienti dello storico Festival “Benevento Citt  Spettacolo 2011”, giunto alla trentaduesima edizione. Presentato nella storica sede dell’AGIS di Napoli, il festival si presenta sotto il comune denominatore della sinergia tra la citt  e i suoi principali protagonisti, i suoi luoghi, il suo vissuto e le istituzioni, come ha affermato il direttore artistico della rassegna Giulio Baffi, ribadendo l’importanza della rete virtuosa di chi lavora per, con e dentro il teatro. Il rapporto con le istituzioni rappresenta un momento imprescindibile per la buona riuscita di un evento e il festival di Benevento ha tutte le carte in regola per essere una rassegna di sicuro successo.
Alla conferenza stampa sono intervenuti il presidente dell’AGIS Campania Luigi Grispello e il vice sindaco Raffaele Del Vecchio che ha manifestato l’enorme dispiacere per il problema rifiuti a Napoli che coinvolge indirettamente tutta la regione e tutte le province, con grave danno per l’immagine di un’intera regione che vanta un patrimonio artistico e culturale inestimabile.
Il binomio che unisce luoghi d’arte e le mille espressioni artistiche che si esplicitano nelle forme più varie dell’animo umano, non è nuovo oramai. Molti eventi vengono rappresentati nei meravigliosi spazi della nostra regione, come la chiesa di Santa Sofia di Benevento che è stata inserita nel elenco del patrimonio dell’UNESCO.
La rassegna, organizzata dal Comune di Benevento, con il finanziamento della Regione Campania, il sostegno di Provincia e Camera di Commercio, si svolger  dal 2 all’11 settembre attraversando i luoghi più belli della citt  dall’antico teatro romano al teatro comunale, dal teatro Massimo al teatro De Simone, al Mulino Pacifico, all’Hortus Conclusus, al Chiostro di Santa Sofia a tantissimi incantevoli luoghi. Lo spazio musicale sar  occupato dagli artisti del Conservatorio Nicola Sala della citt . Il cartellone ospiter  nuovi e inediti allestimenti, tra i quali ricordiamo la serata inaugurale affidata a Nicola Piovani con lo spettacolo Viaggi di Ulisse; Il Barbiere di Siviglia a cura del conservatorio; “I ragazzi di Bucarest”, I Tableaux Vivants di Ludovica Rambelli, in collaborazione con l’Accademia di belle Arti di Napoli, Medea di Antonio Tarantino, Toni Servillo, Max Gazzè, Ferito a Morte di Raffaele la Capria con Mariano Rigillo e Marechiaro, waiting for the moon, trascritta da Mariano Baduin con musiche originali di Roberto De Simone, il regista Enrique Vargas con lo spettacolo Fermentaciòn.
Letture e mostre accompagneranno l’intera rassegna che sar  possibile seguire anche partendo da Napoli con appositi bus.

In foto, Toni Servillo

L’Evento/MARZIANI AL MUSEO ARCHEOLOGICO
Stasera alle 20. 30, musica al Museo.
In occasione dei marted in arte, il servizio educativo della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, propone Francesco Marziani in piano solo, proseguendo le programmazioni di " MusicAlMuseo " che hanno condotto, da più tempo, all’ascolto di brani musicali spaziando dalla classica al jazz.
Ancora una volta si rivolge l’attenzione alla musica jazz, con la direzione artistica di Alberto Bruno e il giovane pianista Francesco Marziani, gi  da anni affermatosi alla ribalta di questo genere.

Il concerto sar  preceduto dalla degustazione di vini Villa Matilde.

Hanno collaborato alla realizzazione Alberto Napolitano pianoforti, Azienda Villa Matilde, Teatro Le Nuvole.