Arriva a Napoli il  Villaggio Condiretti, sul lungomare Caracciolo (foto), Rotonda Diaz, dal 24 al 26 novembre. Fattoria degli animali, street food, scuola in campagna, mercati km 0, agrichef, tutor dell’orto, agricosmetica, prodotti salvati dal sisma, pet therapy, piatti antichi, cibo, ambiente, territorio.
Spiega l’assessore al commercio, Entico Panini: «E’ un villaggio a chilometro zero, quindi ancora una volta forte attenzione al tema della identità e della qualità dei prodotti. Mangiare italiano, mangiare napoletano, è un valore aggiunto in più».
Tra gli altri appuntamenti è previsto il black friday della tavola, un percorso lungo 1,5 chilometri, con possibilità di scoprire piatti da gourmet, con menù preparati dagli agrichef contadini. Un ritorno alle radici del Made in Italy, con i sapori antichi della tradizione, dalla pasta di grano Senatore Cappelli al riso Vialone nano, carni, pizze, farina, olio, mozzarella e pomodoro, ma anche street food green, dal gelato di latte d’asina alle seadas. Si parte venerdì 24 novembre alle ore 9.30.
La Campania e Napoli avranno l’onore di ospitare una tre giorni di altissimo valore. Il Villaggio Coldiretti rappresenterà plasticamente il legame profondo tra agricoltori e territori, paradigma del nostro ruolo di forza amica del Paese. La produzione di cibo diventa asse portante di una nuova visione dell’economia all’insegna della sostenibilità, della tutela del territorio, delle politiche sociali contro lo spopolamento delle aree rurali, dell’educazione alimentare nelle scuole, della filiera economica, culturale e turistica.