Giosè Bonsangue nella galleria Movimento Aperto di Ilia Tufano. Si inaugura oggi alle 18 la personale dell’artista cinquantenne, napoletana, insegna al Liceo Artistico cittadino, ma ha collaborato con le accademia di Milano, Roma e Napoli. In mostra 14 opere tra dipinti e sculture in ferro.

“Più che dipinti sono dei veri e propri bassorilievi spiega la gallerista su legno con sovrapposizione di piani”. Del resto, l’artista stessa spiega “Lavorare con gli spessori significa prima di tutto considerare la materia dal suo interno giungendo, attraverso logiche organizzative della forma, ad un dialogo strutturale con lo spazio esterno. L’attitudine operativa del “fare” secondo valori bidimensionali, nello specifico della mia ricerca artistica non può che collegarsi ad una attenta lettura dell’esistenza, dell’essere e delle sue relazioni. I piani che si susseguono assumono il carattere di materie organiche semi-assorbenti che introiettano valori e caratteri dell’esistenza, aggiustandoli secondo schemi che organizzandosi ne interpretano le qualit , siano esse buone o cattive”.

“Non si tratta dunque di un astrattismo geometrico prosegue Tufano ma di astrattismo lirico, il rimando non è alle forme naturali ma alle forme interiori che si fanno rarefatte anche grazie all’impiego di colori semplici e tenui”.

La mostra è visitabile fino al 5 maggio, mentre il 7 maggio ci sar  un incontro in galleria sul tema dell’astrattismo, con interventi di Giorgio Agnisola (anche curatore della mostra) e Rosario Pinto, che presenter  una sua pubblicazione sul tema.

Galleria Movimento Aperto

Via Duomo 290/c- Napoli

mbl 3332229274

Nelle immagini due delle opere in mostra