La corte della formica “Buoni e cattivi”. Cinque giorni di corti teatrali, ma non solo, dal 15 al 20 novembre, alle 21.30 al teatro Bellini. Giunta settima edizione, la rassegna è la risultante del costante impegno e della passione riversata nel progetto dalla associazione culturale “teatro a vapore”. Nata/fondata nel 2001 dall’occupazione di un ex falegnameria di Soccavo, convertita in un teatro chiamato “il formicaio”, la compagnia con il suo fondatore, Manuela Schiano Lomoriello, si è prodigata negli anni all’organizzazione di molteplici rassegne e laboratori fino alla creazione nel 2005 de “la corte della formica, festival nazionale di corti teatrali”.
Presentato alla galleria d’arte Nea dei fratelli Scuotto in via Costantinopoli53, il festival di corti si svilupper ,come illustrato dal direttore artistico Gianmarco Cesario, intorno a tre punti dei quali la rassegna teatrale rimane fulcro e motore, seguita da un festival di cortometraggi cinematografici “La corte della formica movie” che si svolger  luned 28 Novembre con proiezioni a partire dalle 17.00 al Multicinema Modernissimo e da un premio per narrativa breve “scrivere a corte” con i racconti finalisti scelti dalla giuria, letti il 21 novembre all’interno dell’incontro “poetè per scrivere a corte” nel salottino del chiaja hotel de charme, alle 18.30.
Il tema del festival teatrale è “Buoni e Cattivi”ovvero la sottile sfumatura che lega questi due stati dell’essere, al di l  di una schedatura che ha l’odore asfissiante della cultura dominante. Numerose sono state le adesioni al progetto, a testimonianza dell’interesse del tema,tanto da portare gli organizzatori a scegliere tra un numero di corti molto più ampio delle edizioni passate, raddoppiato da 9 a 18 in quella che definiscono come una vera e propria maratona teatrale. Diversi e variegati i generi teatrali e i soggetti scelti dai partecipanti per sviluppare questo tema si va dalla commedia musicale al dramma classico, dalla satira politica al reading drammatizzato,toccando argomenti come l’emarginazione, violenza sulle donne, corruzione della politica e razzismo
.I corti saranno votati da una giuria presieduta da Gerardo D’Andrea, ideatore del Positano Teatro Festival e i tre più votati parteciperanno alla manifestazione. Tra le collaborazioni che sono intervenute si ricordano il teatro Bellini, la Nea Art gallery dei fratelli Scuotto ,Televomero ,la casa editrice emergente Caracò che offrir  come premio al vincitore del concorso “scrivere a corte”spazio su una antologia dedicata ai giovani scrittori,Teatro.org,il Pozzo e il pendolo,stella film e infine Md discount e la Farmacia dr. Franca Esposito, definiti più che sponsor di veri e propri mecenati.

Dal 15 al 20 novembre, al Piccolo Bellini- Via conte di Ruvo, 14- Napoli- Tel. 0815491266

In foto, la locandina della kermesse