Quattro appuntamenti in Cilento. Tra sapori e monumenti. Per il Grand tour di Campania Artecard. Da domani 25 luglio per quattro sabati altrettanti incontri per conoscere siti e musei del territorio e degustare prodotti gastronomici, celebrando la Dieta Mediterranea. Realizzati in collaborazione con Slow Food Campania, permetteranno di visitare accompagnati da archeologici o storici dell’arte alcuni siti museali di straordinaria bellezza e degustare alcuni prodotti di eccellenza, selezionati e inseriti tra i presidi Slow Food. Per i partecipanti ai tour c’è un servizio bus.

Domani nel pomeriggio visita guidata agli scavi archeologici di Velia, citt  fondata intorno al 540 a.C. da un gruppo di esuli provenienti da Focea, attuale Turchia.
La citt  era nota nel V sec. per le figure di Parmenide e Zenone, fondatori della famosa scuola filosofica eleatica, e raggiunse il suo splendore in et  ellenistica e in gran parte dell’et  romana (fine IV a.C. – V sec. d.C.). Dopo la visita ci sar  il laboratorio del gusto con degustazione del cacioricotta del Cilento, formaggio di capra che si distingue per complessit  aromatica, in cui si rispecchino le ottime qualit  dei pascoli. Trasporto con bus dedicato con partenza da Acciaroli-Porto ore 15.30 e Marina di Casalvelino-Piazza Marconi ore 16.10.
Sabato 1 agosto, sempre in orario pomeridiano, visita guidata al parco archeologico di Paestum con i suggestivi Templi e l’adiacente Museo Nazionale. Poseidonia, nome della Paestum greca, venne fondata agli inizi del VI secolo a.C. da un gruppo di Achei ed è dominata da tre affascinanti templi, molto ben conservati. Dopo la visita si potr  degustare il cece di Cicerale, piccolo legume giunto dall’Asia occidentale migliaia di anni fa, che ha trovato un territorio di elezione sulle colline di Cicerale. Il bus dedicato al tour parte da Santa Maria di Castellabate – P.zza Matarazzo ore 15.30 e da Agropoli – Porto ore 16.
L’8 agosto tocca al Museo Vivo del Mare di Pioppi, strutture museale didattica di grande interesse che ospita otto vasche tra pesci e piante acquatiche tipiche delle acque cilentane . A seguire si terr  il laboratorio del gusto sull’Oliva Salella ammaccata del Cilento, lavorata con perizia e pazienza dalle abili mani dei contadini cilentani. Trasporto dedicato al tour che parte da Marina di Ascea – P.zza Europa ore 15.30 e da Marina di Casalvelino – P.zza Marconi ore 15.45 e dal Museo Vivo del Mare ore 16.

Si chiude con un capolavoro architettonico, definito Patrimonio dell’Umanit  dall’Unesco nel 1998, la Certosa di Padula si trova nel Vallo di Diano, in Provincia di Salerno. L’organizzazione degli spazi architettonici della struttura rispecchia la vita religiosa dell’ordine certosino . Si suddivide infatti in due grandi aree la “casa bassa”, più a contatto col mondo esterno, e la “casa alta” con gli spazi della vita comunitaria dei monaci e gli ambienti di clausura. Oggi la Certosa ospita diverse mostre permanenti e oltre 100 opere di arte contemporanea. Al termine della visita sar  possibile partecipare al laboratorio del gusto con degustazione della Salsiccia e Soppressata del Vallo di Diano, basate sulla laboriosa selezione e lavorazione delle carni. Il trasporto dedicato al tour parte da Marina di Camerota.

Per saperne di più sulla carda e acquistarla

Articoli precedentiIl convegno Così la leggenda del Piave risuonಠnella basilica di San Giovanni Maggiore
Prossimo articoloL’intervista/Patrizia Fanelli, una voce napoletana che dipinge gouache