Artisti come instancabili cercatori d’anima che si svelano anche in vacanza. Sul soffio di “Controventi Mediterranei 2”, in una mostra curata da Maurizio Vitiello che si inaugura sabato 3 agosto alle 18 nella sala dell’asilo comunale via Fiume 1 di Cantalupo nel Sannio (in provincia di Isernia).
Provengono dal Molise, Campania, Puglia, Abruzzo, Lombardia, Lazio gli artisti che espongono tutti opere recenti Rolando Attanasio, Lucia Buono, Maria Luisa Casertano, Alfredo Celli, Carlo Cottone, Giuseppe Cotroneo, Maria Pia Daidone, Umberto Esposti, Lucio Gacina, Mario Lanzione, Elio Marino, Luciana Mascia, Nino Perrone, Achille Quadrini, Myriam Risola, Antonio Salzano, qualificati operatori e brave artiste provenienti dal Molise, Campania, Puglia, Abruzzo, Lombardia, Lazio.
Proporre, a inizio agosto, una rassegna d’arte contemporanea con sedici autori che presentano ciascuno un’opera caratterizzata dal proprio linguaggio artistico, differente dagli altri, significa voler offrire un ulteriore contributo alla verifica dello stato dell’arte italiano, sempre in fermento, malgrado la crisi economica e di valori, anzi sollecitata proprio da questa impasse.

Scrive il curatore “L’esposizione “Controventi Mediterranei 2” incapsula e integra non solo “sensi mediterranei", ma i caratteri di altre coordinate geografiche e concettuali, di artisti di tutto rispetto, di varie localit  italiane e con all’attivo tante personali, molte collettive e diverse rassegne, di grande importanza, sino a “La Biennale” di Venezia, che hanno sempre guardato, in senso telescopico, a vita ed eventi delle nostre temperature, ma, soprattutto, a quei venti di partecipazione di altre realt , che si confondono e flettono anche sulle nostre sponde e sul nostro bacino… La filosofia di quest’incontro, improntato al confronto di stili, permette alla zona molisana di poter recepire un momento squisitamente visivo-culturale, mentre all’orizzonte si tratteggiano ulteriori spunti per scambi aggreganti di nuovi progetti".

L’arte incrocia la vita "In questa mostra s’incontrano vari vissuti; nelle opere si riflettono attraversamenti memoriali; difatti, nelle cognizioni artistiche la memoria è recepita come fondo d’avvio, mentre passaggi diaristici rafforzano un campo di profili evocativi, aggettanti, risonanti”.

L’esposizione rester  aperta fino a domenica 11 agosto, dalle 18 alle 20

In foto, la locandina della mostra