Domenica 6 settembre il Golfo di Napoli verr  illuminato, per la 50esima volta, da 28 atleti rappresentanti di ben 13 nazioni e 3 continenti. E sono 62 gli anni della storica traversata natatoria che unisce l’isola azzurra ed il lungomare di Napoli.
Si tratta della della Capri-Napoli. Per il terzo anno consecutivo la prova di nuoto di fondo è tappa conclusiva del Gran Prix Fina (la parte di Coppa del mondo riservata alle prove che si disputano su distanze superiori ai 10 chilometri).
Con partenza dal lido Le ondine di Capri alle 0845 e arrivo nelle acque antistanti il Circolo canottieri Napoli.
Gli organizzatori hanno messo in palio ben quattro premi al vincitore assoluto andr  il trofeo Supermercati Piccolo, mentre alla prima tra le donne sar  assegnato il premio offerto da Ubi Banca Popolare di Ancona; al miglior italiano il trofeo Orakom; al miglior gesto tecnico il premio Cag Chemical.

Non mancheranno le iniziative collaterali all’evento principale,
legate alla solidariet  e alla promozione sportiva, organizzate alla Scandone in collaborazione con “Accendiamo una stella for you”, da segnalare la riedizione del libro “I giganti del mare”, scritto dai giornalisti Franco Esposito e Marco Lobasso (edito da Guida).

Fino al 30 settembre è possibile visitare la Mostra “Sea Giants, i giganti del mare”,
in esposizione al Renaissance Naples Hotel Mediterraneo. Dalla Coppa donata dall’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla calottina del nuotatore argentino Damian Blaum, vincitore della maratona del golfo nel 2010, tante foto in bianco e nero tra cui quella della prima partenza nel 1954.
Domani, sabato 5 settembre, gara sprint nelle acque di Baia. Testimonial non sportivo della Capri-Napoli 2015 l’attore Mario Porfito.
Domenica 6 settembre, contestualmente alla gara valida quale tappa conclusiva di Coppa del Mondo di nuoto di fondo, è prevista una regata promozionale di coastal rowing con quattro imbarcazioni 4Cx (quattro di coppia con timoniere) due con equipaggi maschili e due con equipaggi femminili.

Nella foto, in alto, una precedente edizione della storica gara; in basso, Mario Porfito, testimonial della manifestazione