Avevo poco piu’ di vent’anni quando ho assistito, per la prima volta, alla rappresentazione del balletto “Il lago dei Cigni” di Tchaikovsky al Teatro San Carlo. Da allora il ballo, quello vero, è rimasto indissolubilmente legato alla mia idea di grazia e leggiadria e le musiche che lo accompagnano suscitano sempre in me sensazioni fisiche ed emozioni intense. Ho accettato, quindi, di buon grado l’invito ad assistere allo “Spettacolo-Saggio” del Centro Danza di Sergio Ariota (sito in via Brodolini, Casoria) che ha chiuso l’anno accademico 2011-2012.
L’elevata qualificazione professionale dei suoi docenti, l’impegno e la grazia delle allieve e dell’allievo hanno trasformato l’evento di fine anno in un vero e proprio spettacolo, come giustamente è riportato sul libretto, di gran lunga più emozionante degli insulsi balletti propinati dalle TV nazionali.
Tutto ha avuto inizio con una parte tecnica di danza classica “Armonie Barocche”, una dinamica e brillante coreografia del Maestro Sergio Ariota.
Ho assistito divertito e incredulo alla deliziosa performance “When the cats away, the mice will play” delle piccole allieve dei corsi preparatori trasformatesi, grazie alla loro “teacher” Emiliana Cresci, in cats and mice, animatori di una graziosa coreografia.
Sono rimasto piacevolmente impressionato dal talentuoso impegno delle allieve nel ballare le splendide coreografie moderne di Rosy Lo Conte, con “Sensity”; e poi quelle contemporanee della Musa del Losanna Ballet, Susanna Sastro, con “Morning Birds” coreografia nata da un pensiero di Herman Hesse. Un plauso va alla corretta, coordinata e passionale esecuzione di danza flamenca ed alla sua maestra Tiziana Corciuolo, che ha portato in scena “Sabor Flamenco”.
Emozioni forti, infine, per il Passo d’Addio di Valeria Ariota, splendida e appassionata Gulmara, insieme al suo ordinatissimo corpo di ballo, autentici fiori del “Jardin Animee” coreografia da Petipa, adattata dallo stesso Maestro Sergio Ariota e dal Maestro del Bolschoi, Sergei Pokhila. Dunque…Bravi, tutti! E bravo soprattutto il Direttore Artistico Sergio Ariota, non solo per le sue capacit  professionali ma anche e soprattutto per i talenti che riesce a catalizzare intorno a s, e che fanno sempre di più della sua scuola una vera “Accademia” di danza. E ora meritate vacanze per tutti, fino al 3 settembre quando riprenderanno le iscrizioni e al 5 le lezioni.

Per saperne di più 081/7364793

info@centroariotadanza.it

www.centroariotadanza.it

INCONTRO IN PREFETTURA/STRANIERI E INTEGRAZIONE CULTURALE

Mercoled 27 giugno, alle ore 10,30, nella sala Renato Profili della Prefettura di Napoli, in Piazza Plebiscito, il prefetto Andrea De Martino ha promosso un incontro con gli stranieri che hanno partecipato ai due corsi organizzati dal Movimento Dehoniano Europeo il primo sulla comunicazione creativa ed il secondo sulla alfabetizzazione di base. Ad entrambi i corsi hanno partecipato stranieri provenienti da diversi paesi, dal Togo alla Bielorussia, dalla Porgogallo al Senegal, dalla Cina a Capoverde.
All’evento, insieme col il prefetto, parteciperanno il Presidente del Movimento Dehoniano Europeo, padre Muzio Ventrella, i membri del Consiglio direttivo e il Presidente dell’Istituto Culturale del Mezzogiorno Antonio Filippetti in rappresentanza anche dell’Unione Nazionale Scrittori Artisti che ha patrocinato l’iniziativa.
Nell’occasione sar  anche presentata la raccolta di poesie pubblicata dall’editore Ensemble, “L’alba arriva per tutti” di Felix Adado, il giovane scrittore del Togo residente in Italia da sette anni e che ha dato alle stampe il suo primo libro scritto in italiano, a conferma della capacit  di integrazione culturale dei tanti stranieri residenti nel nostro paese.

Nella foto, un’inquadratura del saggio di danza