All’inizio fu la playa. Cos la chiamavano, gli spagnoli, la spiaggia dei napoletani. Poi, fuori le mura della citt , piano piano si espanse il borgo, tra grandi giardini e palazzi aristocratici, che ancora resistono al tempo. Oggi Chiaja, oppure Chiaia, è il centro elegante, disseminato di negozi e piccoli bar notturni.
E’ uno dei volti di Napoli che produce, che non si arrende all’illegalit , che vive il presente tra progetti e lavoro. Vivace, fertile, dinamica, d  appuntamento a turisti e cittadini mercoled 22 giugno, dalle 11 alle 21 per celebrare l’arrivo dell’estate con la festa del mare e della musica.

I colori della creativit  tingeranno il quartiere, dall’inizio dell’arco,
attraversando piazza Santa Caterina, Piazzetta Rodinò, via della Cavallerizza, via Bisignano, vicoletto Belledonne, vico Belledonne, via Ferrigni, fino a via Carlo Poerio e piazza dei Martiri dove c’è, tra gli altri, lo storico caffè La caffettiera di Guglielmo Campajola, che guida il consorzio della zona, anima dell’onda marina (artistica) che invader  le strade. Con la complicit  di associazioni, negozianti, artigiani, ristoratori che per l’occasione apriranno i loro locali anche di giorno, proponendo “soluzioni” di brunch e aperitivo.

Un cielo di vele per vicoletto Belledonne
dove il network di imprenditrici e professioniste EnterprisinGirls curer  una “coreografia” a sorpresa ci saranno anche un set fotografico (allestito dalla pittrice/decoratrice Maria Siricio), dove i passanti potranno scattare selfie, e le candele che Vanda Mariniello decorer  sotto lo sguardo dei curiosi. Cos l’energia dei talenti correr  sull’asfalto, a passi di danza, nell’esplosione di performance e suoni, nella citt  che avr  gi  scelto il suo sindaco. E chi dei due candidati in campo avr  la meglio, dovr  fare i conti con queste sinergie che disegnano un’armonia decisa a combattere qualsiasi inerzia politica.

Al progetto partecipano
Confartigianato Napoli con la sua diramazione Donne Impresa,Eughea, La Tribù dell’artigiano, l’associazione Piazza di Spagna, l’associazione ex alunni Liceo G.Garibaldi di Napoli, ArteMisia, Spazioinvenzione Designers (oltre la gi  citata associazione EnterprisinGirls)

Gli artisti di strada che vorranno ancora aderire potranno inviare la loro richiesta a
consorziochija@gmail

Nella foto, uno scorcio di piazza dei Martiri