Napoli al centro del mondo. Torna per la sesta edizione il Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, accendendo le storie, le testimonianze e le violazioni dei Diritti Umani ai quattro angoli del globo terrestre. L’associazione capofila di una serie di soggetti è “Cinema e Diritti”, presieduta da Maurizio Del Bufalo.
Varie sezioni arricchiscono il fitto cartellone il Concorso Cinematografico, gli “Eventi tematici internazionali” e la sezione “Sguardi di genere”.
Questa manifestazione internazionale è nata nel 2008 e coinvolge numerosi attori sociali, singoli e associati, che operano nella citt  e nella Provincia di Napoli.
Il Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli è membro della rete Human Rights Film Network (HRFN) che ha sede ad Amsterdame raccoglie 35 citt  del mondo che vivono questa tipologia di Festival. anche tra i promotori della “Rete del Caffè Sospeso” che collega 7 festival italiani di documentario di impegno sociale.
Il dibattito sui Diritti Umani nelle comunit  del Meridione d’Italia contribuisce a una informazione corretta e plurale sulle condizioni di vita delle categorie sociali più discriminate e sulle trasformazioni globali in atto. Tratto caratteristico del Festival è la ricerca di forme di cooperazione tra i movimenti di resistenza.
Si comincia gioved 5 dicembre al PAN, alle 1830, con “La forza silenziosa di Liu Xia”, mostra fotografica in anteprima nazionale. A seguire, alle ore 2000, sar  proiettato il film documentario “Tutti i cinesi conoscono il Kung-Fu” di E. De Leo e A. Strazzullo, prodotto con il sostegno dell’Universit  degli Studi di Napoli “L’Orientale”.
Liu Xia, poetessa e fotografa cinese riconosciuta e apprezzata dalla comunit  artistica ed intellettuale di Pechino, è un’artista sottoposta a censura per avere abbracciato la causa dei Diritti Umani nel suo paese, impegno che condivide con suo marito, Liu Xiaobo, premio Nobel per la Pace 2010.
L’ingresso a tutti gli eventi del Festival è sempre gratuito.

Per saperne di più

www.cinenapolidiritti.it
info@cinenapolidiritti.it

In foto, il logo del Festival