Lui, il Bardo. Eterno, colpisce le corde dell’anima. In versione originale o tradotti, i testi di William Shakespeare continuano a ispirare e a commuovere. Non poteva mancare un riferimento, diretto o indiretto a lui in “Classico contemporaneo”, rassegna teatrale per sette notti di mezza estate, dal 18 al 24 agosto, alle 21.30, nel chiostro di san Domenico Maggiore (vicolo s.Domenico Maggiore 18 Napoli).
Organizzata dal Teatro dell’Osso, con la direzione artistica di Gianmarco Cesario, l’iniziativa fa emergere il punto d’incontro fra il teatro dei grandi classici e quello che fa capo alla cosiddetta “nuova drammaturgia”, proponendo sei titoli con il fattore comune di una (profonda) leggerezza capace di riportare il teatro a una contemporanea fruibilit .
Ben tre delle sei opere in cartellone sono in qualche modo legate al drammaturgo inglese, a partire dai due spettacoli che aprono la rassegna l’intelligente lavoro sulla prima parte del “Riccardo III” operato da Riccardo De Luca, con l’interpretazione, nel ruolo di protagonista, di Roberto Azzurro, e l’operazione drammaturgica di Carmine Borrino, che in “Francischiello” avvicina la figura dell’ultimo re di Napoli al giovane principe Amleto. E, in chiusura, l’arguta rilettura de “La Dodicesima Notte” che il regista e drammaturgo Mirko Di Martino porta in scena con una compagnia di otto bravi attori, tra cui Giuseppe Cantore nel ruolo di Tobia.
Poi c’è Sigmund e Carlo”, parabola dissacrante e amaramente divertente con cui Niko Mucci, in scena con Roberto Cardone, racconta la crisi delle ideologie, quindi la bella prova d’attore di Raimondo Brandi, che da solo interpreta tutti i personaggi di “La vita non basta”, un suo copione che con grande leggerezza e spessore racconta la storia di solitudine ed emarginazione di una mancata integrazione, e “P’ ‘e viche ‘e Napule”, che, invece, rappresenta un po’ la sintesi della rassegna, il punto d’incontro tra tradizione e innovazione, un recupero della poesia e del teatro classico napoletano, attraverso la reinterpretazione di un giovane artista quale Antonio Vitale.
La vita è un palcoscenico. Anche d’estate, nel cuore del centro storico di Napoli.

Il PROGRAMMA
18 agosto
Ore21,30
RICCARDO III preludio alla tragedia
di William Shakespeare
con Roberto Azzurro, Riccardo De Luca, Annalisa Renzulli, Francesca Rondinella, Salvatore Veneruso e con l’apparente partecipazione di Antonio Mocciola
Regia Riccardo De Luca

19 agosto
Ore 21,30
FRANCISCHIELLO, UN AMLETO NAPOLETANO
Testo regia ed interpretazione di Carmine Borrino

20 agosto
Ore 21,30
SIGMUND E KARL
con Niko Mucci e Roberto Cardone
regia Niko Mucci

21 agosto
Ore 21,30
LA VITA CHE NON BASTA
di e con Raimondo Brandi
diretto con Alessia Berardi

22 agosto
Ore 21,30
P’ E VICHE E NAPULE
di e con Antonio Vitale

23 agosto
Ore 21,30
LA DODICESIMA NOTTE
di William Shakespeare
Con Titti Nuzzolese, Antonio Gargiulo, Giovanna Marziano, Massimiliano Cataliotti, Sergio Del Prete, Daniela Ioia, Nello Provenzano e con la partecipazione di Giuseppe Cantore
Regia Mirko Di Martino

costo biglietti euro 12
ridotti euro 10

Per saperne di più
tel 329 1850120 329
1850120
info@teatrodell’osso.it

Nella foto, in alto, Azzurro in scena per Riccardo III. In basso, da sinistra "Francischiello" e "La dodicesima notte"