Hemingway, Scott Fitzgerald, Picasso & company s’incontravano nei caffè. A Parigi, nei roventi anni venti, il soffio vitale della cultura si sedeva a tavolino, espandendo progetti, disegni e programmi che avrebbero rivoluzionato il modo di scrivere e dipingere, un ambiente ricostruito tra humour e tenerezza da Woody Allen nel film dedicato alla capitale francese (Midnight in Paris).
Atmosfera rievocata poche ore fa, in conferenza stampa, da uno dei protagonisti di un’iniziativa nuova che apre il teatro stabile di Napoli, il Mercadante, alla citt , oltre i confini delle pièce in programma. Dallo scrittore Angelo Petrella, che di Libri&caffè cura gli incontri con gli autori e che a fine febbraio inaugurer , nell’insolita libreria arredata in stile ecosostenibile (con arredi realizzati in carta riciclata da “Formaaperta”, azienda di Nocera Inferiore), un laboratorio di fiction.
L’idea dal profumo internazionale, lanciata con un avviso pubblico dal sito del Mercadante,diventa realt  con la risposta al bando di due giovani imprenditori napoletani, librai e editori di seconda generazione, Eddy Colonnese e Luca Pisanti( con la societ  MetroArtbookstore) che, rispettivamente, dai pap  Gaetano e da Paolo, hanno assimilato entusiasmo e passione per la parola scritta e divulgata, frantumando il vizio napoletano dell’individualismo e lanciando il concetto di squadra.
Una libreria a teatro, uno spazio per un aperitivo, un’occasione per comprare libri e discuterne, fino all’orario in cui il sipario cala sugli spettacoli. Si comincia con l’apertura pomeridiana che, una volta collaudata, si allungher  sin dalle prime ore del mattino. Libri, caffè e eventi. Accompagnati dalla filosofia dello chef Pietro Parisi, di Palma Campania, che, dopo aver girato il mondo nei grandi alberghi e visitato l’alta cucina al fianco di Vissani, ritorna nella propria terra riscoprendo la genuinit  contadina dei prodotti e partecipando all’impresa culturale con la meticolosa preparazione dei “boccacielli”, piccoli contenitori di vetro che custodiscono gioie per il palato, da una parmigiana alleggerita della frittura, grazie alla cottura vapore, a salsicce e friarielli. Cos lo street food diventa cibo nobile, legato ai veri sapori del territorio.
Si parte domani sera (alle 19.30) con Francesco Durante che presenta il libro di Diego De Silva, “Mancarsi", pubblicato da Einaudi, romanzo d’amore tra due anime gemelle, Nicola e Irene, che non sanno di esserlo, sfiorandosi senza incontrarsi. L’8 febbraio Maurizio De Giovanni propone, al fianco di Petrella, “Vipera. Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi” (Einaudi) , pagine che ruotano intorno all’omicidio della prostituta più famosa di una casa di tolleranza in zona Chiaia nella Napoli fascista (nel 1932, per essere esatti). Il 20 febbraio intervengono Davide Morganti e Gianni Solla con il libro di Marco Ciriello “Il Vangelo a benzina” (Bompiani) dove svetta il commissario, Claudio Valenzi rugbista, legatissimo al suo cactus. Il calendario dei prossimi mesi è ancora da definire.
Il direttore artistico Luca De Fusco non si è lasciato sfuggire l’occasione di rispondere all’accusa dell’assessore comunale Antonella Di Nocera pubblicata in giornata sulle colonne di un quotidiano cittadino e rimbalzata nella domanda di un giornalista, di “non sviluppare l’autofinanziamento con incremento di incassi e sponsor”, puntualizzando che il Comune è intervenuto solo ripianando con trecentomila euro il disavanzo della precedente gestione ed è tuttora debitore, nei confronti dello stabile, di circa sei milioni di euro. Aggiungendo che attraverso, il Teatro festival, con l’acquisizione di spettacoli sono entrati tra il 2011 e 2012 circa 2 milioni e ottocentomila euro. Una deviazione dal tema, ma non tanto. Il progetto libri&caffè non costa nulla allo stabile che mette a disposizione la struttura e in cambio spalanca le porte a possibili utenti, giovani o maturi attirati da uno spazio dove scambiarsi due chiacchiere sbocconcellando alimenti di qualit  e sorseggiando vini eccellenti, potrebebro essere catturati dalla magia del palco. Tornando sul luogo del peccato, di gola e di lettura. E comprando- perch no?- biglietti in palco o platea. Spettatori si diventa…

Libri&caffè
Tutti i giorni, dalle 16.30 a fine spettacolo, escluso il luned

Libri&caffè è diretto da Ester Mancini. Altri partner dell’iniziativa Caffè Delizia, Azienda agricola Meoli, Birrificio Maneba, Agenzia adversa future media factory, Consorzio Gal Cilsi, Latte Nobile

Per saperne di più
Tel.0815524214
info@teatrostabilenapoli.it

In alto, l’incontro degli organizzatori con i giornalisti al Mercadante