“L dove il mare luccica” cantava il compianto Lucio Dalla descrivendo con parole emozionanti la bellezza del luogo. Ma il mare non è solo Sorrento. Il mare è soprattutto Napoli, citt  portuale, marittima e marina. E Napoli è un luogo che vive del mare. Ecco perch non si poteva scegliere un locus più adatto per organizzare “EuroMED Cooperation. Inland and Marine Water Challenges”, conferenza organizzata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche Italia nell’ambito della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea e con il supporto della Commissione Europea.
La manifestazione, che si terr  il 3-4 novembre proprio nel capoluogo partenopeo, alla Stazione Marittima, mira a rafforzare la cooperazione internazionale in materia di ricerca e innovazione e affronta tematiche attuali quali quelle del dibattito scientifico e politico per l’identificazione delle sfide urgenti legate alla corretta gestione delle acque interne e di mare, con particolare attenzione al loro legame, agli impatti sulla societ  e ad una crescita economica sostenibile nelle regioni Euro-Mediterranee.
L’evento è concepito come una conferenza di due giorni – quattro Workshop tematici paralleli (3 novembre) e una sessione plenaria (4 novembre) che sar  aperta da attori politici di alto livello istituzionale, quali ad esempio Enrico Brugnoli (Direttore del CNR Dipartimento Scienze del sistema Terra e Tecnologie per l’Ambiente); Stefania Giannini (Ministro dell’Educazione, Universit  e Ricerca); Cristina Russo (Direttore Cooperazione Internazionale, Commissione Europea DG Ricerca e Innovazione).
I relatori, scienziati di livello internazionale, hanno tutti un curriculum invidiabile in tema di biologia marina e materie affini e offriranno all’uditorio acute osservazioni circa il modo di approcciarsi all’acqua, e alla ricchezza che può generare. Un tema particolarmente importante ed affascinante, soprattutto nel momento storico attuale. Fin da bambini, infatti, ci hanno insegnato che l’acqua è un bene prezioso, primario, una ricchezza inesauribile da non sprecare. Parlando di queste tematiche, il pensiero non può che andare, ovviamente, alle recenti iniziative fallimentari della Gori S.p.a., la societ  che gestisce in modo del tutto arbitrario, in Campania, il servizio di erogazione di acqua potabile. Si spera, data l’importanza dell’argomento, che alla conferenza partecipino soprattutto i responsabili della societ . Ne va del futuro di tutti noi.

Per saperne di più
www.euromed-imwc.eu

In foto, uno scorcio del Molo Beverello