Identit  in movimento. XXIII Convegno Tradizionalista della Fedelissima Citt  di Gaeta. Dal 16 al 18 ottobre 2015 l’evento èorganizzato come ogni anno dalla rivista L’Alfiere e dalla casa editrice napoletana Controcorrente. Ricco il programma della tre giorni con ben 52 interventi che si alterneranno nella Sala di Ponente dell’Hotel Serapo.
Scrittori, giornalisti, docenti e ricercatori universitari, antropologi, economisti, medici e musicisti si confronteranno sul tema “Identit  in movimento”, affrontando vari aspetti legati alla storia e alle tradizioni del Sud ma anche argomenti di stretta attualit , come le nuove strategie portuali per il Sud, la distruzione del patrimonio storico e architettonico di Napoli, le dinamiche geopolitiche della Russia di Putin o la salvaguardia dell’ambiente e delle colture e culture meridionali. L’appuntamento di quest’anno è dedicato inoltre a Silvio Vitale, ideatore del convegno che è diventato una tappa fondamentale per gli studiosi e gli appassionati dell’ex Regno delle Due Sicilie e fondatore della rivista tradizionalista L’Alfiere.

Si inizia venerd 16 ottobre alle ore 16 con i primi 24 interventi su “idee e progetti condivisi per un Sud in movimento”. Il convegno riprender  poi sabato mattina alle ore 10 e proseguir  per l’intera giornata con altre 28 relazioni. Alle 18 ci sar  una pausa musicale con il concerto di canzoni della tradizione classica napoletana del tenore Vincenzo Acanfora. Per tutta la durata del convegno saranno inoltre in esposizione le opere di arte presepiale del maestro Maurizio Travaglini e sar  possibile degustare alcune eccellenze agro-alimentari della Campania e della Calabria.
La tre giorni si chiude domenica 18 ottobre Santa Messa con rito tridentino in suffragio dei caduti nella difesa del Regno delle Due Sicilie, che si terr  alle 11 nel Santuario della Santissima Trinit  alla Montagna Spaccata (foto). Subito dopo la commemorazione, cerimonia del lancio a mare della corona di fiori, omaggio ai caduti dagli spalti della Batteria Transilvania.
«Si parte dalla rilettura del Regno delle Due Sicilie, della sua storia, delle sue scelte in termini culturali, economici, sociali, delle alleanze internazionali. E anche dell’opposizione al liberismo, alla cultura illuminata e alla egemonia anglosassone, i padroni del mondo di allora spiega Pietro Golia, giornalista ed editore Controcorrente Questa visione complessiva dei rapporti sociali e dello sviluppo ritorna come destinazione futura del Nostro Sud e dell’Europa. Era ed è un’alternativa totale da costruire. Ma il convegno di Gaeta è anche il ricompattamento nella complessit  di tutto il mondo e il campo del possibile e delle disponibilit  di quanti al Sud debbano alzare la testa e si debbano battere per liberare, unire e rendere indipendente la nostra terra. possibile incanalare e scardinare le pigrizie intellettuali del folclorismo, dei nostalgici inchiodati all’archeologia storica e a miti incapacitanti? Il Sud può andare avanti e rinascere contando sulle proprie forze, che sono tutte eccellenze e unicit ? Il Sud può rivendicare un’autonomia, un’indipendenza, la sovranit  politica, monetaria, economica, culturale, linguistica, agroalimentare?».
Nella stessa direzione va Edoardo Vitale, magistrato e direttore della rivista L’Alfiere. «Nel lontano 1960, la rivista L’Alfiere cominciò a denunciare con tenacia e seriet  di argomenti l’attivit  di denigrazione e mistificazione, attuata nei confronti del Sud al fine di estirparne le tradizioni sopravvissute agli anni della sanguinosa invasione piemontese e della grande emigrazione. Da allora, molte acquisizioni della revisione storica sul Regno delle Due Sicilie sono divenute patrimonio comune. In particolare, appare sempre più chiaro che il Sud visse la sua dimensione universale quando l’ingegno e l’estro delle sue genti poterono manifestarsi nella loro originalit , respingendo l’imposizione di idee e progetti confezionati secondo modelli – spesso sciagurati – che non ci appartengono. Occorre dunque prendere coscienza dell’unicit  della civilt  delle Due Sicilie aggiunge Edoardo Vitale e della necessit  di difenderla nel segno della tradizione, dinamicamente intesa, in un sistema globalizzato che la diffama e la minaccia nella misura in cui l’avverte come un potente antidoto contro il processo di devastazione materiale e morale del pianeta. A Gaeta si parler  di tutto questo, in una panoramica ampia e profonda che toccher  ognuno degli aspetti (culturale, sociale, economico, geopolitico) su cui deve fondarsi la rinascita del Sud».