Dall’Impero romano passando per il re Ferdinando IV la costa di Posillipo vive alterne vicende. “Tregua dai dolori”, cos fu etichettata l’area in questione che divenne presto dimora imperiale. Un lembo di terra dalla incomparabile bellezza che nei secoli ha visto periodi di luce internazionale, ma anche lasciata “marcire” nel degrado e nell’abbandono.
Il Parco Archeologico-Ambientale del Pausilypon e l’Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola, dal 2004 sono sotto l’egida del centro studi interdisciplinari Gaiola Onlus che porta avanti un progetto di riqualificazione e valorizzazione dell’area, attraverso il recupero e la bonifica di aree degradate, attivit  di ricerca, laboratori didattici con le scuole, attivit  di formazione con le Universit , percorsi di visite guidate via terra e via mare, rassegne ed eventi culturali. Nel 2010 è stato aperto al pubblico il CeRD (Centro per la Ricerca e la Divulgazione Scientifica del Parco), un centro per lo studio, la tutela e la diffusione del patrimonio naturalistico e archeologico del Mare di Napoli.
Nel 2014 il CSI Gaiola onlus compie dieci anni di attivit  e ha inaugurato il nuovo anno chiamando a raccolta tutti i fotografi che hanno sostenuto il Centro in questi anni per una edizione in bianco e nero del tradizionale calendario “Posillipo, un Mare di Vita un Mare di Storia”.
Il calendario accompagner  un anno denso di attivit  ed eventi tra il Parco Sommerso di Gaiola e il Parco del Pausilypon, tra scienza, arte, storia e natura, per la conoscenza e valorizzazione di un patrimonio unico della citt  di Napoli.

ECCO IL PROGRAMMA

Marzo-Aprile
“I mari di Napoli”; si propone di guidare le nuove generazioni alla riscoperta del mare nelle sue mille sfaccettature, da quelle biologico-naturalistiche a quelle storico-archeologiche, attraverso laboratori didattici ed attivit  sul campo.
“Iniziative Oceaniche alla Gaiola” (Ocean Initiatives); manifestazione internazionale organizzata da Surfrider Foundation Europa per dar vita contemporaneamente in tutto il mondo ad operazioni di sensibilizzazione per la riduzione dei rifiuti su spiagge, fiumi e mare, attraverso azioni concrete di pulizia.

Maggio-Giugno
“Maggio della Gaiola”; nell’ambito del Maggio dei Monumenti il CSI propone la X Edizione del “Maggio della Gaiola”, un fitto calendario di visite guidate ed appuntamenti culturali volti a mettere in luce e riscoprire le diverse peculiarit  di questi luoghi attraverso “differenti punti di vista” con itinerari via terra, via mare, nel mare ed integrati terra e mare.
“Pausilypon Suggestioni all’Imbrunire”; raffinato incontro tra archeologia, natura, musica e teatro.

Luglio-Agosto
“Gaiola Kayak Day”; nell’ambito del progetto “Pagaiando PER il Parco” si promuove l’idea della canoa, non solo quale mezzo ideale per riscoprire il rapporto con il mare ma anche quale strumento per difenderlo attivamente.
“Campi estivi naturalistici”; progetto per bambini tra i 6 e i 12 anni per conoscere e rispettare il mare, la natura e la storia della propria citt .
“Mario e Chiara a Marechiaro…alla Gaiola”; in collaborazione con il Centro polifunzionale S. Francesco d’Assisi di Marechiaro che accoglie ragazzi in condizioni di disagio sociale per trascorrere una settimana di “vacanza” nella propria citt .

Settembre
“Giornate Europee del Patrimonio”; visite guidate al fine di sensibilizzare tutti i cittadini europei alla ricchezza e alla diversit  culturale europea e dell’ “Italia tesoro d’Europa”.

Ottobre
“(Ri)percussioni marine”; momenti di sensibilizzazione sulla problematica dell’inquinamento marino del Golfo di Napoli e della dispersione dei rifiuti in mare.

Novembre
“Decennale”; festeggiamento dei 10 anni di attivit  con appuntamenti scientifico-culturali quali mostre, seminari, proiezioni e giornate di pulizia e di festa.

Dicembre
“Calendario 2013”; presentazione del calendario fotografico che ha lo scopo di diffondere la conoscenza sulle risorse naturalistiche e storico-archeologiche della fascia costiera cittadina.

Per saperne di più
www.gaiola.org

In foto, l’isola della Gaiola e unscorcio del Il parco archeologico-ambientale del Pausilypon