Un appuntamento fisso. Che il San Carlo  propone ogni anno,  prima della chiusura estiva. E’ lo spettacolo della scuola di ballo che presenta i giovani talenti, messaggeri di una tradizione importante, rinnovata dalla contemporaneità. Sabato 24 giugno alle 20. 30.
Spiega il direttore Stéphane Fournial: «ll format dello spettacolo è stato ripensato l’anno scorso per creare un ponte ideale tra la precedente concezione di saggio e uno spettacolo che soprattutto trasmetta al pubblico, attraverso la tecnica, la passione, la disciplina necessaria, il ‘senso dello studio’ che investe ogni classe».
  Il sostegno finanziario messo a disposizione dalla Fondazione Banco di Napoli convenzione, una convenzione per il convitto destinata agli allievi fuori sede e altre opportunità offerte per dare loro visibilità, mostrano l’attenzione del Lirico partenopeo alle nuove generazioni. Un’eccellenza  nazionale che  si offrirà allo sguardo del pubblico con un ricco programma.
Si comincia con il défilé di tutti i partecipanti su musica di Hector Berlioz, Marcia dei Troiani. Ciascuno avrà la possibilità di esprimere la propria potenzialità regalando emozioni agli spettatori che potranno applaudire, in chiusura, al magico Lago dei cigni. Uno dei più celebri balletti dell’Ottocento, musicato da Cajkovskij, che  continua a far battere il cuore.
In alto, nello scatto di Francesco Squeglia, i giovani danzatori in un momento dello spettacolo finale targato 2016

Per saperne di più
www.teatrosancarlo.it