Nel cuore della citt , all’interno di spazi ricchi di storia, patrimonio di una cultura che non tramonta mai e che fa della citt  un museo a cielo aperto, si è aperta la rassegna di musica contemporanea promossa dall’associazione Dissonanzen. Una settimana di eventi musicali che si svolgeranno nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, in via Tribunali e nella Sala Martucci del Conservatorio di Napoli. La rassegna, in una prima fase, si concluder  il 14 novembre. All’evento hanno contribuito la Regione Campania, la Fondazione Banco Napoli e l’Istituto per lo Sviluppo Musicale nel Mezzogiorno (ISMEZ). La buona riuscita delle scorse edizioni si rafforza quest’anno con la collaborazione del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, la Fondazione Morra, il conservatorio S. Giacomoantonio di Cosenza, la Soprintendenza ai Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Calabria e l’Associazione Microcosmos di Cosenza. Un gruppo di enti che insieme si propongono di veicolare arte e cultura attraverso forme musicali nuove e inedite.

Non a caso l’impegno della Soprintendenza, nella diffusione della musica d’avanguardia, sottolinea quest’obiettivo. Un’attenzione particolare verr  dedicata alla scienza. Il rapporto tra questa e la musica verr  sottolineato con un concerto spettacolo dal titolo Cosmofonia. L’evento coniugher  insieme la lettura di testi, con le musiche provenienti da vari periodi storici.

La seconda parte della rassegna, che si intitola “Arti del Suono”, si snoder  nella citt  di Cosenza, nella Sala di Palazzo Arnone dal 9 all’11 dicembre. Lo scopo è quello di creare un ponte tra la citt  di Napoli e la citt  di Cosenza (alla conferenza stampa napoletana era presente il soprintendente Fabio De Chirico, fresco di nomina anche a Salerno e Avellino) attraverso un fil rouge che lega insieme le iniziative dell’Associazione Dissonanzen e i musicisti dell’ensemble omonimo, attraverso l’attivit  didattica delle classi di composizione di musica elettronica dei conservatori coinvolti, creando un’opportunit  di scambio e di conoscenze dei giovani talenti. Nel corso dell’apertura della rassegna sar  presentata la rivista “Le arti del suono” diretta da Agostino di Scipio, Edizioni Orizzonti Musicali di Cosenza. Un tema tanto attuale e discusso è quello della multimedialit . La rivista dedicher  uno spazio a questo argomento che è anche il tema del concerto conclusivo dell’11 dicembre.

Tutte le date dei concerti
su

www.dissonanzen.it .

Nelle foto, Adam Rudolph, protagonista della rassegna