Testarda, Napoli continua a scommettere sulla cultura. Mercoled 30 novembre all’Istituto Italiano per gli studi filosofici, con inizio alle 17,00, si svolge il convegno annuale promosso dall’Istituto culturale del Mezzogiorno e dall’Unione Nazionale Scrittori e Artisti incentrato sul valore e sulla potenzialit  della creativit  poetica che si avvale quest’anno anche della significativa adesione personale del Presidente della Repubblica.
La manifestazione intitolata non a caso “Arcarte, il viaggio della creativit ” intende sottolineare proprio il valore che può assumere la capacit  creativa in un contesto civile come quello attuale, laddove le diverse espressioni della cultura possono giocare più di chiunque altro un ruolo determinante per l’emancipazione sociale e la consapevolezza delle coscienze.
Uno dei capisaldi di tale discorso è individuato proprio nella poesia cui viene dedicato un reading a più voci che con la denominazione di “Liberi in poesia” intende esplicitare in concreto il senso dell’intera iniziativa con letture testualidi autori di diverse generazioni come (per citarne qualcuno) Ciro Vitiello e Antonio Spagnuolo. Ugo Piscopo e Enzo Dall’Ara, Laura Sagliocco e Giuseppe Bilotta, Gerardo Pedicini e Raffaele Urraro.
Le analisi critiche saranno affidate al presidente dell’unione nazionale scrittori, Natale Antonio Rossi, insieme con docenti universitari e studiosi della letteratura, del pensiero e dell’arte, mentre le conclusioni saranno riassunte da Antonio Filippetti, presidente dell’Istituto culturale del Mezzogiorno.
Resta sempre viva la speranza che l’egoismo del potere possa essere sconfitto (nel mondo intero) dalla forza della poesia. E della mente.

In foto, la locandina dell’evento