La forza della semplicit . Con questo essenziale ingredienti Teresa Del Vecchio mette su il suo monologo al Teatro Il Primo, impersonando Eder Speranza, da Pollena Trocchia. Diretta da Giorgio Carosi, e reduce da un tronfiale successo a Roma, l’attrice partenopea ammalia il pubblico con la sua verve naturale, e un personaggio che suscita tenerezza ed ilarit . Eder nasce da una mamma fan della Parisi, che per ignoranza non riesce a ricordare il nome esatto della soubrette americana.
Poco amata in famiglia, fugge dal paese a Roma sognando un lavoro e un principe azzurro. Il primo arriver , il secondo un po’ meno. Tra speranze e delusioni, il personaggio creato dalla Del Vecchio incarna un normotipo dei nostri giorni, in cui chiunque può riconoscersi.
Nessuna ambizione, se non quella di una ipotetica felicit , poca voglia di studiare, e un’onest  di base che si scontra con i pericoli del cuore, davanti ai quali chiunque può tramutarsi in assassino. Applausi e conferme Teresa Del Vecchio ha talento, senza bisogno di esibirlo. La ricetta ideale.

In foto, Teresa Del Vecchio