Il Teatro Elicantropo di Napoli giunge al suo diciottesimo anno di vita e come ogni teenager che si rispetti, festeggia in grande stile, con la nuova creazione del regista e direttore artistico Carlo Cerciello ,”Tempo pessimo per votare”, per aprire la stagione. Progetto in cantiere dal 2007 e adattamento del “Saggio sulla lucidit ” di Josè Saramago, l’opera è una lucida e grottesca analisi sul potere e sul suo cinico esercizio, scelta dal regista per la sua attualit  e per il legame con “l’allucinante paradosso che rappresenta il rapporto degli italiani con l’attuale politica”.
La programmazione prender  il via gioved 17 ottobre alle ore 21 con lo spettacolo firmato da Carlo Cerciello e sar  caratterizzata da alcune fra le più espressive novit  italiane, oltre a ospitare la VIII edizione del Festival del Teatro Politico “Sensibili al Potere 2013/2014”.
Dal 28 novembre al 1 dicembre il Teatro Baretti di Torino presenta Hamletelia, di e con Caroline Pagani, spettacolo vincitore dell’Internationales Regie Festival Lipsia 2009, del Premio Fersen alla Drammaturgia 2013 e pluripremiato ai Festival “La corte della Formica” 2010 e “Fringe” 2013.
A seguire, dal 5 al 9 dicembre, Ortensia T proporr  in scena “In pantaloni rosa e garofano verde”, conversazione animata fra Roberto Azzurro e Claudio Finelli, in viaggio verbale tra romanzieri, personaggi politici, drammaturghi e poeti, con il più semplice dei presupposti, oggi sempre più spesso calpestato l’inviolabile diritto alla felicit .
A inaugurare il nuovo anno, dal 2 gennaio al 2 marzo, il Teatro Elicantropo e la Prospet presenteranno “Quartett” di Heiner Muller, con Paolo Coletta e Imma Villa, per la regia di Carlo Cerciello in cui sesso, potere e morte si intrecciano dando vita a un nuovo epilogo morale l’annientamento degli ideali.
Dal 13 al 16 marzo toccher  alla compagnia Teatrogrimardello con Attesa, regia di Antonio Grimaldo, e a seguire, dal 20 al 23 marzo, Razmataz e la Compagnia Diana Oris, presenteranno “Io, mai niente con nessuno avevo fatto”, scritto e diretto da Joele Anastasi. Sempre a marzo, dal 27 al 30, la compagnia Racconti Teatrali porter  in scena “Sputa la gomma, Il teatro va a scuola”, ispirato ad esperienze realmente vissute dall’autore Pierpaolo Palladino.
Ad aprile si susseguiranno “Disturbi di memoria”, dal 3 al 6, di Manlio Santanelli e “Sono suo padre, presentato da Associazione Genta Rosselli in collaborazione con Doppiaeffe srl, a teatro dal 10 al 13.
Chiuderanno la stagione teatrale della prosa, gli spettacoli Pazza d’amore di Dacia Maraini, con Sara Pallini, dal 17 al 20 e “Shitz Pane, amore e … salame”, liberamente tratto da Hanock Levin e diretto da Filippo Renda, in scena dal 24 al 27.
A maggio, il consueto appuntamento con il teatrodanza sar  inaugurato dalla compagnia Palco 11zero8 con “Noi saremo” che racconta le vicissitudini sentimentali dei due poeti maledetti, Paul Verlaine e Arthur Rimbaud. La stagione si concluder  dall’8 all’11 con la rassegna “Oltre la linea”, percorsi di danza contemporanea e teatrodanza, con la direzione artistica di Rosario Liguoro.
Lo spazio -eventi partenopeo, nel presentare il cartellone, conferma ancora una volta la sua vocazione al teatro politico, d’impegno civile e sociale, rivolto al contemporaneo, all’analisi e alla denuncia delle tragedie dei nostri tempi, frutto del cinismo, della crudelt  e dell’arroganza di un potere senza storia e senza scrupoli che, proseguendo nel lucido e metodico azzeramento dei più elementari diritti dell’uomo, mina alla base i valori della convivenza civile e della solidariet . Le attivit  proseguono con determinazione e con rinnovato impegno, indirizzate alla drammaturgia contemporanea, alla valorizzazione dei giovani talenti artistici e a un rapporto diverso, più diretto e immediato con il pubblico, obiettivo primario del progetto della Rete dei Piccoli Teatri Metropolitani, a cui aderisce l’Elicantropo.

Nella foto in alto, una scena di "Tempo pessimo per votare" e in basso "Quartett"