«Caro Enzo, questa volta hai affidato alla pittura, unicamente ad essa, il compito di farsi pagina di scritture figurate del tuo viaggio olandese. Un petit tour, tanto quanto bastava alla tua immaginazione per riprendere il colloquio a distanza con l’olandese Van Gogh, disceso nelle terre del Mediterraneo per ravvivare la sua tavolozza». Cos comincia la lettera/testo critico di Massimo Bignardi che accompagna la mostra di Enzo Navarra “Venti di Olanda” in programma all’Arte/StudioGallery (diretto da Mario Lanzione) in via Sant’Agostino, 15 a Benevento da venerd 15 maggio (opening alle 18.30) al 2 giugno (orari marted e gioved dalle 17 alle 19).
Invitato nel 1980 al padiglione Italia della Biennale di Venezia, l’artista, che ha acquisito la sua formazione tra Napoli e la laguna, si è imposto sulla scena internazionale. La sua prima attivit  pittorica nasce nell’ambito della Nuova Figurazione, denunciando ascendenze che vanno dalla tradizione del paesaggismo napoletano al rigore del concretismo. Nei primi anni Settanta si trasferisce a Pordenone prima e a Trieste dove tutt’ora vive.
Intensa l’attivit  espositiva degli anni ottanta segnata da mostre personali e partecipazioni collettive in Italia e all’estero. Tra queste il Festival Internazionale “Linz Citt  aperta”, Linz (Austria), 1979; Biennale di Venezia per “Il tempo del museo”,”Arte e Critica” a Roma, Galleria d’Arte Moderna. Nel 1980 è presente anche a Linz per il “Festival Galleria Maerz”; a Malo, Vicenza, al Museo laboratorio Casabianca, per la mostra “Segno/ambiente”, dove presenta l’installazione Historia. Nel 1982 è invitato alle rassegne “Immaginario Riflesso” e di “Campania Felix”.
Nel 1984 figura è presente alla mostra “Il disegno degli scultori” allestita nel contesto della “Festa Nazionale dell’Unit ” di Roma, ad “Abitare il tempo, Verona 1993; ancora alla Galleria Maerz, Linz 1986; Studio d’Arte Nadia Bassanese, Trieste 1987; Museo Revoltella Trieste 2007; Museo MiniMu, Trieste, 2009. Tra i più recenti eventi espositivi cui ha partecipato (tra il 2010 e il 2012) “L’uomo nel pozzo” nel chiostro del Palazzo di San Galgano a Siena, “Carte contemporanee. Esperienze del disegno italiano dal 1943 agli anni Novanta” al F.R.A.C. di Baronissi e “Memorie di Stromboli” all’Arte StudioGallery.

In foto, un’opera in mostra