Dagli anni settanta a oggi, protagonista per immagini in Italia. Da quella rivoluzione fotografica che partiva dai piedi degli indiani immortalati durante un viaggio ai tempi dell’universit . Fabio Donato sabato 30 maggio d  appuntamento alle 11.30 allo Spazio Nea di Napoli (in piazza Bellini) nell’ambito della rassegna “Il sabato della fotografia” /curata con Pino Miraglia) realizzata per “Percorsi d’arte giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”, progetto finanziato dalla Presidenza del Consiglio e promosso dal Comune di Napoli. Ingresso libero
Nello spazio di Luigi Solito e Bruno La Mura, presenta il volume “Fabio Donato Fotografia”. La presentazione, introdotta e moderata da Mario Franco e Massimo Sgroi, descriver  tappe importanti del suo percorso visivo. Scrive Mario Franco nel testo del libro che l’itinerario artistico di Fabio è «fatto di immagini di porte e finestre, microcosmi, soglie che invitano l’osservatore ad accedere a mondi altri, a scoprire luoghi immaginari, non definiti». E che l’autore invita a scoprire talvolta uscendo da uno spazio chiuso altre volte a entrare, «ma spesso suggerisce di fermarsi, di rimanere appunto l, sulla soglia e contemplare questo limbo congelato nello spazio della fotografia».
La rassegna puntafar conoscere ai giovani il percorso professionale e artistico dei grandi autori italiani. Si continua fino al 20 giugno tra lo Spazio Nea e Piazza Forcella. Dopo Tano D’Amico, Raffaela Mariniello, Antonio Biasiucci e Fabio Donato in calendario, Claudio Corrivetti, Luciano Ferrara e Francesco Cito. Quest’ultimo terr  il 19, 20 e 21 giugno anche un workshop di 3 giorni su lavoro di fotoreporter.

Per saperne di più

www.percorsidarte.eu
www.movimentiperlafotografia.it
www.spazionea.it

tel. I Teatrini 081 0330619
fax 081 5543760 (dal luned al venerd ore 10.00/14.00)

Nelle foto, la copertina del volume e altre immagini dell’autore