Avvicinare il pubblico adulto ai film di animazione, unendo la favola e la realtà in una narrazione dal gusto noir, ricca di archetipi fiabeschi e di problematiche moderne. La città di Napoli fa da sfondo a Gatta Cenerentola, film di Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Alessandro Rak e Dario Sansone, presentato da Rai Cinema e Mad Entertainment.
Le voci sono di Massimiliano Gallo, Maria Pia Calzone, Alessandro Gassman, Mariano Rigillo, Renato Carpentieri, Ciro Priello, Federica Altamura, Chiara Baffi, Francesca Romana Bergamo, Anna Trieste, Gino Fastidio, Enzo Gragnaniello, Marco Mario De Notaris. Cantanti: Foja, Guappecartò, Francesco Di Bella, Virtuosi di San Martino, Daniele Sepe, Francesco Forni e Ilaria Graziano.
Il film in prima visione al cinema dal 14 settembre, ripropone la favola di Cenerentola ambientata in un presente oscuro e incerto, memore di un glorioso passato e speranzosa nel futuro. L’avventura si svolge a bordo di una nave da crociera semiaffondata, attraccata al porto di Napoli, sulla quale vive la protagonista assieme al padre, armatore della nave e custode dei suoi segreti tecnologici, che ha il sogno di riportare il porto di Napoli allo splendore del passato.
Alla sua morte la giovane si trova a vivere all’ombra della matrigna e delle sue sei figlie, che insieme a Salvatore Lo Giusto, noto trafficante, sfruttano l’eredità della ragazza per trasformare il porto di Napoli in una capitale del riciclaggio. Lo scontro tra la miseria delle ambizioni del presente e la nobiltà degli ideali del passato deciderà la sorte della piccola Cenerentola e della città di Napoli, legate da un unico destino.
«Un ritorno al futuro, questo ci proponiamo di offrire allo spettatore, ripartendo dalla nostra città: Napoli. Passato e presente, che grazie al prodigio di una tecnologia ormai in disuso si trovano ad abitare lo stesso luogo», dice Alessandro Rak.
Il film è il secondo lungometraggio di animazione che nasce dalla collaborazione di Mad Enterainment e Sky dancers, che insieme hanno già prodotto sceneggiature di vario genere presentate e premiate a festival internazionali come il Capri Hollywood, e il Festival del Cinema  di Venezia dove la Gatta Cenerentola ha già affascinato chi l’ha visto nella sezione  “Orizzonti”.

cenerentola| ilmodnodisuk.com
Qui sopra, un momento del balletto “Cenerentola” in uno scatto di Francesco Squeglia. In alto, un frame del film

Ma Cenerentola, oltre che al cinema, continua il suo cammino anche al San Carlo dove andrà in scena a passi di danza, lunedì 18 settembre alle 20.30. L’allestimento del Massimo napoletano  è un’elegante messinscena del celebre balletto di Sergej Prokof’ev su libretto Nikolai Volkov, ispirato alla fiaba di Charles Perrault, con coreografie di Giuseppe Picone, scene di Nicola Rubertelli, costumi dal repertorio del teatro a cura di Giusi Giustino, luci di Bruno Ciulli.
Una promozione speciale sarà riservata agli spettatori del film Gatta Cenerentola: basterà mostrare al botteghino del teatro il biglietto dell’anteprima del film o della normale programmazione nei cinema della Campania. E a proposito di promozione, proprio dal 18 settembre, finché il film verrà proiettato,   in sinergia con l’aeroporto di Capochino,  a chi andrà  a vederlo al Modernissimo, Big e Happy, per due biglietti comprati al botteghino,  ne verrà consegnato un omaggio, se possiede la carta d’imbarco destinazione Napoli o il biglietto per Napoli. Così la Gatta Cenerentola continuerà a sedurre spettatori da tutta Italia.
Per saperne di più sul cinema e sullo spettacolo
https://www.facebook.com/GattaCenerentola/?fref=ts
http://www.teatrosancarlo.it/it/spettacoli/cenerentola-nuova-data.html