L’arte, frutto dell’incrocio tra Napoli e Vienna. La Galleria Overfoto (vico San Pietro a Maiella 6, Napoli) inaugura il 6 marzo alle ore 19, “Sisterhood”, seconda personale alla galleria napoletana, dopo quella del 2006, dell’artista Cristina Fiorenza. La mostra sar  aperta fino al 30 aprile.

Napoletana di nascita e viennese d’adozione, si dedica alla pittura sotto la guida di due artisti, Vincenzo Cerino e Giuseppe Barbarulo, fra Napoli e Salerno. Segue corsi di Arte alla Bauhaus Universitt di Weimar. Dopo la laurea si sposta in Germania e in Olanda, prima di stabilirsi a Vienna, dove tuttora vive e lavora.

Fiorenza propone vari quadri e collage in cui, come spiega l’artista, unisce “scenari multietnici, figure incastrate, morbide, spazi metropolitani, mondi irreali, attraverso i quali ricercare una identit . Il titolo “Sisterhood” si riferisce ad una sorta di sorellanza appunto di solidariet  fra le figure femminili che vivono gli spazi delle opere”.

L’artista racconta con passione ed entusiasmo il suo approccio con l’arte, che ha accompagnato ogni momento della sua vita, come un’esigenza necessaria e insostituibile ” tutto quello che è dentro di me, nei miei pensieri, nella mia quotidianit . Cerco di creare una sorta di tensione fra una realt  immaginata e una immagine reale”. E Inoltre aggiunge “Esiste una significativa differenza tra i quadri e i collage. Il quadro è un ingrandimento delle scene che scorrono all’interno dei collage; il quadro scopre la scena, ne rivela i dettagli. La presenza del bianco e nero o del colore dipende esclusivamente dal supporto utilizzato; le riviste spesso sono molto antiche e prive di colore”.

Vari e diversificati i materiali usati tra cui carta, lino, colori, acrilici, tavole, pastelli. Scrive Antonello Tolve “…Il collage è, dunque, per l’artista, la tecnica che rende lecito un intervento diversificato che va dal recupero del segno ardesiano alla dolcezza del pastello, dall’inchiostro di china alla pittura acrilica il tutto corredato da lacerti fotostatici presi, a volte, dai rotocalchi o da immagini elaborate al computer (con i softwares più avanzati) e poi “plottate” per essere, naturalmente, rielaborate in postproduction”.

Orari di apertura mart-ven, h 1100-1300/1630-1930, sab h 1100-1400

Informazioni e contatti

info@overfoto.it;

www.overfoto.it

Nelle foto, tre opere dell’artista