Lucio Fiorentino torna dietro la cinepresa per il suo ultimo lavoro. Dopo il documentario “Libro di sabbia”, vincitore del Procida Film Festival e del Premio Santaniello 2014 , dal 30 giugno è alle prese con un lungometraggio dal titolo “Fontanarosa, la linea del furore”, storia di caduta e redenzione ambientata a Napoli.
Nel cast del film prodotto da Transitans film srl compaiono Cristina Donadio, Alessandro Fontanarosa, protagonista e ispiratore della vicenda, e Lucia Peraza Rios. La vicenda intesse la vita di un ex pugile, Giuliano, alle prese con un passato opprimente segnato da un’adolescenza difficile, e un presente da cantante/chitarrista di un trio rockblues. Sullo sfondo un quartiere Bagnoli che sembra riassumere a pieno la storia del protagonista un passato colmo di speranze tradotto in un presente contraddittorio e usurante. La vicenda è vicina al romanzo di formazione una caduta, una peregrinazione e infine una riconciliazione; sdoganando il concetto chiave del genere in questione il protagonista è lontano dall’adolescente salingeriano e molto più vicino ai personaggi irrisolti e irrisolvibili della letteratura novecentesca.
Il film abbraccia la vicenda biografica a partire dai 35 anni del protagonista. Non viviamo la sua caduta colpevole di un rapporto paterno totalmente distrutto ma gli effetti negativi della stessa. Giuliano vive con la sorella Anna interpretata da Lucia Peraza Rios e il nipote Andrea di 2 anni. L’incontro con la box e con Livia, la donna che dar  a entrambi la chance di vedersi abbattendo finalmente il muro del rimpianto, lo condurranno a intraprendere un viaggio, che nonostante le premesse, promette un finale non del tutto scontato.
La storia si collega a un filone che sembra trovare maggior successo tra i registi napoletani, ma che la penna e la camera di Fiorentino, da sempre vicino a tematiche sociali, potrebbe ( e dovrebbe) innalzare a un livello universale, uscendo dal lamento consolatorio troppo tipico a volte del made in sud.

Il cast
Alessandro Fontanarosa (Giuliano); Elisabetta Valgoi (Anna, sorella di Giuliano); Lucia Peraza Rios (Livia); Massimiliano Gallo (Osvaldo); Lello Serao (padre di Giuliano); Cristina Donadio (Elisabetta); Giorgio Pinto (Nunzio); Ciro Esposito (Medico); Domenico Ciruzzi (notaio).

Nelle foto, in alto, Lucio Fiorentino; in basso, Alessandro Fontanarosa e Elisabetta Valgoi sul set