Musica e danza a Galleria Toledo . “Beati Pauperes in Spiritu-Eckhart Project”(foto) e “Quintetto”, editi da Teatro Instabile di Aosta, regia coreografia
e testi di Marco Chenevier, vanno in scena dal 9 al 12 aprile.
La danza è una scrittura
drammaturgica espressa in quadri coreografici. E’ arte antica e contemporanea, popolare, sacra e profana.
E’ un colto fraseggio corporale astratto in continuo movimento con dinamiche controllate, delicate, violente.
Il corpo vibra nello spazio in modo armonico alla ricerca della solitudine o sollecitato ad incontrare altri per
creare veloci composizioni scultoree fantastiche che si frantumano in pochi attimi per rappresentare altre.
Nello spettacolo, durata 60′ su un palco 10×10, si presenta in due spazi opposti luminosi e sonori. Il primo
con voci e luci diffuse più onirico e teatrale. Nel secondo domina il dialogo con il pubblico su l’attivit  del
pensiero, sull’indagine socio culturale del nostro presente, sul tema della memoria. La coreografia, divisa
in cinque azioni, è caratterizzata da emozioni e gestualit  quotidiane in rapporto sempre con la musica
dell’album “Homeland” di Laurie Anderson e il Preludio della Suite n.5 BWV di Joseph Sebastian Bach.

La Galleria Toledo è tra i pochi teatri che ha in cartellone la danza
e offre il suo spazio per questa arte che
è alla base per la formazione dell’attore che deve oltre alla voce essere disinvolto nella gestualit  e negli
spostamenti sul palco. Il ballerino si muove sulla musica, l’attore sui toni della sua stessa voce.
“Quintetto” il 9 e 10 aprile, ore 20,30- “Beati Paupere…” 11 aprile ,ore 20,30 e il 12, ore 18.
Galleria Toledo teatro stabile d’innovazione
via Concezione a Montecalvario 34, Napoli
Contatti 081. 425037-081.415935
galleria.toledo@iol.it
www.galleriatoledo.org