Alla Galleria Toledo dal 29 gennaio al 1 febbraio viene ricordata la Grande Guerra dopo cent’anni da Giuseppe Cederna (foto) e Augusto Golin con la regia di Giuseppe Cara. Il teatro è un luogo di incontri che offre cultura ma spesso stimola a meditare sul nostro passato storico. Cederna e Golin rievocano quei tragici anni in cui tutta il nostro continente fu un campo di battaglia con milioni di morti senza contare i feriti, gli invalidi, gli orfani e coloro che vivono con i ricordi traumatici accumulati dalla tragica esperienza.
Con L’ultima estate dell’Europa Cederna racconta la vita di un soldato superstite incalzato dai ricordi di essere stato protagonista e spettatore in un tetro e immenso mattatoio di contadini e operai italiani in divisa a cui erano stati inculcati falsi ideali di patriottismo per poi morire sul Carso e sull’Isonzo dinanzi ai loro simili austriaci morti al di l  delle trincee. Due colpi di pistola nella domenica del 28 giugno del 1914 a Serajevo scatenarono il conflitto di quattro anni coinvolgendo anche Stati Uniti e Giappone.

Una guerra esaltata dai Futuristi, voluta da generali e politici, desiderata dagli industriali di armi belliche sempre alla ricerca di tecnologie più sofisticate, più micidiali per eliminare in tempi brevi donne bambini civili citt  monumenti e ogni presenza culturale di un popolo.
L’immane tragedia fu ispirazione per Owen, Stuparich, Gadda, Ungaretti, Trilussa, Rumiz.

Non è stata però di monito in seguito. Ancora oggi viviamo tra tante guerre di cui siamo partecipi con le nostre forze armate vittime su campi di battaglia all’estero e col nostro denaro che potrebbe essere fonte di riqualificazione ambientale e di produttivit  in quelle aeree lacerate da miseria, da lotte civili e da dittature sempre di stampo fascista e nazista.Lo spettacolo prevede musiche dal vivo con Alberto Capelli chitarra e percussioni, Mauro Manzoni flauto e sassofono. Scenografia di Rosanna Monti, costumi di Alexandra Toesca, luci di Giuseppe La Torre, produzione Art Up Art.

Galleria Toledo teatro stabile d’innovazione via Concezione a Montecalvario 34 di fronte alla stazione Toledo della linea 1. Tel.081.425037 081.415935
galleria.toledo@iol.it
Alla Galleria Toledo dal 29 gennaio al 1 febbraio viene ricordata la Grande Guerra dopo cent’anni da Giuseppe Cederna e Augusto Golin con la regia di Giuseppe Cara. Il teatro è un luogo di incontri che offre cultura ma spesso stimola a meditare sul nostro passato storico. Cederna e Golin rievocano quei tragici anni in cui tutta il nostro continente fu un campo di battaglia con milioni di morti senza contare i feriti, gli invalidi, gli orfani e coloro che vivono con i ricordi traumatici accumulati dalla tragica esperienza.
Cederna racconta la vita di un soldato superstite incalzato dai ricordi di essere stato protagonista e spettatore in un tetro e immenso mattatoio di contadini e operai italiani in divisa a cui erano stati inculcati falsi ideali di patriottismo per poi morire sul Carso e sull’Isonzo dinanzi ai loro simili austriaci morti al di l  delle trincee. Due colpi di pistola nella domenica del 28 giugno del 1914 a Serajevo scatenarono il conflitto di quattro anni coinvolgendo anche Stati Uniti e Giappone.

Una guerra esaltata dai Futuristi, voluta da generali e politici, desiderata dagli industriali di armi belliche sempre alla ricerca di tecnologie più sofisticate, più micidiali per eliminare in tempi brevi donne bambini civili citt  monumenti e ogni presenza culturale di un popolo.
L’immane tragedia fu ispirazione per Owen, Stuparich, Gadda, Ungaretti, Trilussa, Rumiz.

Non è stata però di monito in seguito. Ancora oggi viviamo tra tante guerre di cui siamo partecipi con le nostre forze armate vittime su campi di battaglia all’estero e col nostro denaro che potrebbe essere fonte di riqualificazione ambientale e di produttivit  in quelle aeree lacerate da miseria, da lotte civili e da dittature sempre di stampo fascista e nazista.
Lo spettacolo prevede musiche dal vivo con Alberto Capelli chitarra e percussioni, Mauro Manzoni flauto e sassofono. Scenografia di Rosanna Monti, costumi di Alexandra Toesca, luci di Giuseppe La Torre, produzione Art Up Art.

Per saperne di più
www.galleriatoledo.org

Galleria Toledo teatro stabile d’innovazione via Concezione a Montecalvario 34 di fronte alla stazione Toledo della linea 1. Tel.081.425037 081.415935.
galleria.toledo@iol.it

biglietto intero 15 euro, ridotto 12. Sabato e domenica euro 20, ridotto 15
orario ore 20,30, domenica ore 18