Arte e conoscenza a Gesualdo (Avellino), luogo storico, legato al nome del principe madrigalista. Domani, 31 ottobre, si svolger  una giornata di studi sul tema, promossa o dal locale ente comunale, dall’Istituto Culturale del Mezzogiorno e dall’Unione nazionale scrittori e artisti.
Il programma prevede in particolare due momenti di riflessione e approfondimento: il primo si terr  in mattinata nell’Istituto comprensivo Cillo Palermo e sar  incentrato sulla importanza del ruolo che la cultura artistica riveste nella formazione degli adolescenti.
La seconda tornata di studio, che sar  ospitata nel pomeriggio nella Casa canonica, è un vero e proprio convegno che verter  sull’ importanza della esperienza artistica nello sviluppo della coscienza civile.
I due momenti saranno animati da interventi, relazioni e comunicazioni di professionalit  diverse; non a caso sono stati coinvoltiprotagonisti del mondo della scuola, delle istituzioni, della cultura e della societ  chiamati a testimoniare sul ruolo che l’arte può e deve giocare per sostenere ed alimentare la conoscenza, in particolare nel mondo giovanile, e per poter costituire nel tempo una riserva cui attingere al fine disviluppare consapevolezza e coscienza.
La giornata di studio sar  poi arricchita per cos dire da una “esercitazione” sul campo nel senso che a chiusura dei lavori sar  inaugurata la mostra personale del maestro Corrado De Benedictis dal titolo “Un artista testimone del silenzio”, a cura di Antonio Filippetti. L’artista, che proprio a Gesualdo ha creato il proprio studio per un lavoro che si è consolidato negli anni in assoluto riserbo, ha acconsentito a mostrare le proprie opere dopo un lungo periodo di reticenza che rappresenta tuttavia la conferma di un “determinazione” creativa che preferisce alimentare il proprio bagaglio di conoscenza civile ed esistenziale nel chiuso di un silenzio operoso e “comunicativo”, nella consapevolezza ovviamente che l’arte può davvero essere il passaporto essenziale per rivelare o interpretare -ma più ancora risolvere – i nodi insoluti di un comune destino.
Alla giornata di studi partecipano, tra gli altri, Rosa Grano, Alessandra Tarantino, Carmine Iannarone, Franco Di Cecilia, Carmine Petruzzo, Cosimo Sibilia, Raffaele Fulchini, Giuseppe Del Mastro, Michele Miscia, Giovanna Moresco, Antonio Filippetti.

In foto, uno scorcio di Gesualdo