Inaugurata lo scorso anno, torna l’iniziativa del giovedì sera al Museo archeologico di Napoli. Dalle 20 alle 23,  prezzo speciale di 2 euro,  le sere dei giovedì dal 1 giugno al 28 settembre (esclusi il10, 17 e 24 agosto). Non solo portrà essere visitato il Mann, ma  si potrà partecipare agli eventi organizzati: concerti jazz, musica classica, incontri, spettacoli e e tanto altro. A partire dalle 20, e fino alle 23.00,con il biglietto ridotto potranno essere ammirate tutte le collezioni permanenti e le mostre temporanee in corso.
Si parte con la rassegna “Miti di musica” (dal primo al 29 giugno), cinque appuntamenti che vedono protagonista l’Associazione Scarlatti.
Giovedì 1 giugno, arrivano   i Miti d’amore interpretati dall’ensemble vocale di Napoli diretto da Antonio Spagnolo: un itinerario tra madrigali, chanson, forme libere alla scoperta delle diverse e variegate accezioni dei “Miti d’Amore” nei testi messi in musica da alcuni tra i più rappresentativi compositori di musica vocale polifonica.
Una ideale staffetta tra Rinascimento, Barocco e musica contemporanea, nella quale si confronteranno gli stili compositivi che si sono ispirati alla retorica musicale, spesso definiti con l’appellativo di “musica reservata”, e la libera esplorazione del materiale testuale delle tecniche contemporanee. La varietà dei linguaggi comporta una varietà di formazioni vocali, con l’utilizzo di organici diversi formati da solisti fino al coro da camera nella moderna accezione. La serata è dedicata al contrabbassista napoletano Rino Zurzolo, recentemente scomparso.
Da segnalare anche quello del 15 giugno dediato al poeta cappellese Michele Sovente (premio Viareggio). “Superstiti, le lingue di Michele Sovente” è il titolo che Dissonanzen propone per un concerto poetico che parte da sperimentazione di un autore che  mescola dialetto, italiano e latino onirico.
Lo spettacolo si avvale della doppia tastiera digitale ed elettronica, di Ciro Longobardi e Francesco D’Errico; dei flauti di Tommaso Rossi e della voce di Enzo Salomone, alla ricerca della ricchezza fonetica di cui è dotata la poesia di SoventeSovente ha lasciato un ricco corpus poetico (nove pubblicazioni più gli inediti) che è oggetto di studio e d’interesse.
In foto, Michele Sovente

Il concerto è gratuito, si paga solo 2 euro per l’ingresso notturno al Mann

Per saperne di più
www.associazionescarlatti.it