Re Panettone, il noto dolce milanese, inaugura il prossimo Natale ospite a Napoli nel Grand Hotel Parker’s sabato 14 dalle 11 alle 21 e domenica 15 dalle 11 alle 19. Levento, ideato da Stanislao Porzio (foto) a Milano da alcuni anni, giunge per la prima volta al Sud e precede quello della citt  Meneghina che si svolger  nei prossimi giorni 28 e 29. Porzio, napoletano innamorato del dolce della Madonnina, come ogni partenopeo idea pubblicizza progetta realizza ciò che di più bello e più noto della citt  in cui vive e ama.
Porzio, in collaborazione con Donatella Bernabò Silorata autrice del libro “I Panettoni del Sole”, ha selezionato e invitato 23 pasticcieri italiani tra cui molti campani esperti nella produzione di panettoni artigianali. La prima differenza tra quello industriale e l’artigianale è nella durata. Il primo può durare fino a sei mesi mentre l’altro va gustato nei primi 15 giorni massimo entro tre mesi. La differenza notevole è nell’uso degli ingredienti che possono prolungare la vita (conservanti mono e di gliceridi), semilavorati che facilitano la produzione omogeneizzando i sapori(lieviti disidratati e mix), ha freschezza e creativit  dell’artigiano. Hanno gusti e sapori diversi con cedro, uvetta, fichi, noci, mandorle, cubetti d’arancia, mandarino, gocce di cioccolato fondente, fragoline del Cilento, nocciole di Giffoni, variet  di grano, mele ananas albicocca del Vesuvio candite, castagne, miele di castagno, agrumi vari, limoncello, rum, caffè, vini dolci, liquore Strega.

Si possono gustare misti dolce salato con pomodorini di Corbara, rosmarino, fichi bianchi del Cilento.
Panettoni di color nero intenso con caffè, cioccolato, Aglianico, Taurasi, Fiano e vini tipici dell’Irpinia. Il prodotto artigianale ha una lenta lievitazione che lo rende morbido digeribile gustoso per la sua miscela tra tradizione e culture locali che esaltano creativit  varianti con l’uso di prodotti del territorio di produzione. La Campania da anni è nota a livello nazionale e internazionale per fantasiosa creazione del panettone dovuta alla sua antica cultura dolciaria con la sua mitica pastiera, bab , sfogliatelle, zeppole, cassate.

L’evento promuove la creativit  dolciaria italiana.
Ogni panettone ha il costo di 24 euro al chilo. Prezzo di lancio di panettoni da costi elevati fino a 40/50 euro per la qualit  degli ingredienti, tempi di lavorazione che bloccano la produzione di altro. Requisito unico per partecipare che ogni pasticciere deve avere il proprio laboratorio e il punto vendita. Si possono trovare in vendita dal peso di 250 gr. al kg. Alle due casse si acquistano i Pan euro ognuno del valore di 6 euro per evitare il contatto col denaro del venditore.

Domenica tre incontri nella Sala Ferdinando dell’hotel
ore 15,30 con Achille Zoia, milanese “il Maestro dei Maestri” presentato da Porzio; 16,30 Sal De Riso e Alfonso Pepe ” I best seller campani” con Luciano Pignataro del Mattino; 17,30 Mauro Morandin, pasticciere di Sait Vincent con Bernabò. All’esposizione vendita dei lievitati il wine bar a cura dell’Associazione italiana Sommelier propone vini nazionali dolci passiti spumanti da gustare con assaggi di panettone al costo di 1 Pan e calice in omaggio. La Sala è al sesto piano con ampia balconata sulla baia con vedute mozzafiato in un solo istante di Capri Castel dell’Ovo Vesuvio costiera da Sorrento a Posillipo. L’hotel Parker’s è luogo storico per Napoli in cui fu firmata la liberazione della citt  dai fascisti e dall’esercito tedesco l’1 ottobre del 1943 e ospitò al G8 la delegazione della Russia che con i partigiani e l’esercito sconfisse il nazismo liberando i reclusi dai campi di sterminio.

Il dolce Panettone più della politica e dell’economia riuscir  a unire Nord e Sud Italia?
W Re Panettone!
Grand Hotel Parker’s è in corso V. Emanuele 135. Ingresso libero all’evento.