La Terra si muove e commuove gli artisti insieme a tutte le coscienze di chi è sensibile al senso della vita. E Napoli si unisce all’inno che la celebra nella giornata mondiale  dedicata al globo con la quarta edizione del Festival delle arti per la Terra, organizzato al Pan dal 22 al 29 aprile dall’associazione ArtStudio ’93.
Si comincia domani, sabato 22 aprile, con la conferenza di presentazione dell’evento, alle 11, cui seguirà, alle 12, la performance dell’artista Paola Romoli Venturi, in collaborazione con Greenpeace. Chiuderà la mattinata una degustazione di cibo e bevande offerte dalle aziende che  collaborano alla realizzazione della manifestazione realizzata con l’assessorato alla cultura del Comune di Napoli.
Sarà una settimana intensa, tra progetti fotografici realizzati per l’occasione, installazioni, visual art e altro. Da segnalare, il collegamento video con Lodi allo Spazio Nea di via Costantinopoli, domenica 23 aprile, per l’inaugurazione della Cattedrale vegetale di Giuliano Mauri, con il critico Philippe Daverio.
E allo Spazio Nea, con la partnership anche della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, tra gli ospiti, ci sarà Luigi Filadoro, presidente dell’associazione culturale Étant donnés che proporrà il video del progetto didattico Obiettivo Museo- Assemblaggi creativi, realizzato con gli alunni delle scuole napoletane di periferia, partendo dalla rivoluzione culturale ecologista dell’artista tedesco Joseph Beuys e concluso con una mostra al Museo archeologico di Napoli.

Ego ed Eco:individualismo e coscienza ecologica
IV edizione di Happy earth days- Festival delle arti per la Terra
22-29 aprile 2017
Palazzo delle Arti di Napoli
Per saperne di più
www.earthdays.it
www.artstudio93.org

In foto, la cattedrale vegetale di Lodi