“Ogni italiano dovrebbe imparar da bambino la storia dell’arte come una lingua viva, se vuole aver coscienza intera della propria nazione”, cos scrive lo storico dell’arte Roberto Longhi ed è cos che la pensa la Fondazione Napoli Novantanove che ha dato avvio ai “Marted dell’arte” tutti i marted, a partire dal 9 ottobre e fino al 27 novembre, il Teatrino di Corte di Palazzo Reale a Napoli ospiter  otto lezioni pubbliche sul tema della funzione civile dell’arte figurativa, “L’altra lingua degli italiani”.
A presentare il progetto Mirella Barracco, presidente Fondazione Napoli Novantanove; Rosanna Purchia, soprintendente Fondazione Teatro San Carlo; Gregorio Angelini, Direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici; Giorgio Cozzolino, soprintendente beni architettonici e paesaggio; Silvia Calandrelli, direttore RAI Educational e Tomaso Montanari, docente dell’ Universit  Federico II Napoli.

«Da anni la Fondazione Napoli Novantanove ha spiegato Barracco è impegnata in progetti di formazione che creano relazioni e conoscenze. Questa è un’iniziativa che parte da Napoli ma che coinvolger  tutta l’Italia, alunni e docenti in una rete nazionale. Fin dai suoi esordi il progetto “La scuola adotta un monumento”, nato nel 1992, si è caratterizzato per la sua capacit  di accendere le coscienze verso i monumenti che sono patrimonio e storia della citt ».
I relatori delle otto lezioni sono Salvatore Settis, Antonio Pinelli, Francesco Caglioti, Vittorio Gregoretti, Chiara Frugoni, Flavio Fergonzi, Michele Mariotti e Tomaso Montanari.
Gli incontri saranno ripresi da Rai Scuola e Rai Educational che li trasmetteranno, sia in video che sul web, su tutto il territorio nazionale da febbraio 2013. Come ha spiegato Silvia Calandrelli, Direttore RAI Educational «La diffusione web, sul portale indicizzato, e video dar  la possibilit  a chiunque di partecipare alle lezioni. Rai Scuola è il luogo dell’informazione formale e questo progetto fornisce validi strumenti di conoscenza utili anche in classe».
Le lezioni avvieranno alla preparazione del concorso nazionale “La scuola adotta un monumento” che si rivolge a tutte le scuole primarie e secondarie di primo grado. Gli studenti e docenti partecipanti dovranno svolgere un lavoro di ricerca di gruppo che illustrer , con immagini, musica e parlato, un monumento (una chiesa, una via, un palazzo, ecc.) legato all’identit  storica e civile della comunit . (Le scuole interessate dovranno far pervenire, entro il 31 ottobre 2012, una preiscrizione alla Fondazione Napoli Novantanove info@napolinovantanove.org). Hanno aderito al progetto, oltre a Napoli Roma, Torino, Pisa, Firenze, Siena, Modena, Ancona, Cosenza, Pesaro, Lecce e Palermo. Per questo oggi (25 settembre) l’iniziativa sar  presentata in Campidoglio poich Roma Capitale dal 1994 è tra le prime citt  ad aver aderito al progetto di adozione.

Per informazioni sul bando e sui premi
www.napolinovantanove.org
e-mail info@napolinovantanove.org
www.lascuolaadottaunmonumento.it

Nelle foto, in alto, Barracco, presidente della Fondazione Napoli Novantanove; in basso, il soprintendente Cozzolino