Interventi sui beni storici e la lro valorizzazione con manifestazioni artistiche e culturali. Ecco il progetto Clanioinarte che vede coinvolti i comuni di Avella, come capofila, Roccarainola e Sperone e co-finanziato dalla Regione Campania.
Da settembre a gennaio un cartellone di eventi per far conoscere e vivere Avella, e gli altri comuni coinvolti, al meglio.
«Avella ha un patrimonio archeologico e storico tra i più importanti in Campania afferma il sindaco Domenico Biancardi e stiamo cercando di valorizzarlo al meglio come ad esempio rendendo tutti i siti illuminati in via permanente. ClanioinArte è un tassello importante in questa strategia perch fa conoscere i luoghi attraverso manifestazioni culturali ed eventi che garantiscono una fruizione a 360 degli stessi».
Quattro mesi di iniziative dalla musica di qualit , al teatro, dalla valorizzazione dell’enogastronomia, con sagre, degustazioni e cooking show o, ancora, videomapping sulla storia di Avella o il museo archeologico in piazza, senza dimenticare momenti di approfondimento e di studio con seminari tematici e convegni. Non sono mancate, poi, vere e proprie “follie” ben riuscite come il concerto all’alba del 4 di ottobre capace di portare alle 6.30 del mattino circa 100 persone all’anfiteatro ad ascoltare un concerto piano e voce conclusosi proprio al sorgere del sole.
Location d’eccezione l’anfiteatro romano, le Tombe romane, il Convento e il bellissimo chiostro di S. Francesco, il bel centro storico e le chiese cittadine. Nel centro storico, poi, a novembre si suona con tre omaggi alla musica internazionale all’auditorium Biancardi, un’oasi felice dove poter fare arte e che con i suoi quasi 170 posti è unico in tutto il comprensorio. In queste settimane si sono alternati sul palco Daniela Fiorentino con il suo omaggio a Edith Piaf, Francesca Maresca e la sua versione di Mina e venerd 20 concluder  questo trittico Diego Moreno con il suo Tango Scugnizzo, un viaggio in musica tra Napoli e l’Argentina.
Tutte le iniziative di ClanioinArte sono a ingresso libero per permettere a tutti di vivere questi momenti. «E’ stata una scelta forte la nostra ma convinta afferma il direttore artistico Paolo Romano l’ingresso libero apre l’arte e la cultura ad un bacino potenziale ampio e in questa fase di valorizzazione dei siti avellani è fondamentale. La parte più difficile è stata quella di far superare l’idea che la gratuit  è sinonimo di poca qualit  artistica. Il cartellone creato è di altissimo livello e in queste settimane le performance di Daniela Fiorentino e di Francesca Maresca lo hanno dimostrato in pieno. Lo stesso main event di domenica 6 dicembre il concerto al tramonto di James Senese e Napoli Centrale all’anfiteatro romano di Avella (ore 17.00 n.d.r) sar  rigorosamente gratuito».
Non sono mancati e non mancheranno testimonial di primo piano, tra questi gli attori Mario Porfito e Patrizio Rispo, l’editore Diego Guida e tanti altri volti noti della cultura campana.
Un cartellone ancora ricco, quindi, che può essere consultato sulla pagina
www.facebook.com/clanioinarte
o direttamente sul sito www.clanioinarte.it

Nelle foto di Armando Biblioteca, Francesca Maresca e la sua versione di Mina e Daniela Fiorentino con il suo omaggio a Edith Piaf