A Napoli non piove mai, 90′, film di Sergio Assisi, ha inaugurato la 17esima edizione di Napoli Film Festival (28 settembre 4 ottobre) con proiezioni a ingresso libero al Metropolitan, Grenoble, Istituto Cervantes, PAN Palazzo delle Arti Napoli.
Opera prima che ha ottenuto riconoscimento di interesse culturale e contributo economico dal Mibact e patrocinio morale dal Comune di Napoli. L’attore (partenopeo, classe 1972) che si è imposto all’attenzione del pubblico televisivo con la serie “Capri”, debutta come regista. Ha girato il film in quattro settimane nell’estate del 2014. «Ho avuto collaborazione e fiducia da amici e da attori che stimo. Hanno creduto in me. E’ stata un’idea pazza ma quarant’anni bisogna rischiare per non pentirsi a 70, pensando “io avrei, volevo fare, mi sarebbe piaciuto, ho sempre sognato, ma…ho avuto paura, ora mi pento”. Nel fare regia mi sono sentito allegro come un bambino che gioca col suo nuovo giocattolo. Grazie a tutti i miei amici, a mia madre, mio cugino, a Lucilla» , spiega al cinema Metropolitan, in occasione dell’anteprima per la stampa.
Tre i protagonisti Barnaba, Sergio, soffre della sindrome di Peter Pan; Jacopo, Ernesto Lama, vittima della sindrome di un abbandono in un cassonetto appena nato; Sonia, Valentina Corti, soffre della sindrome di Stendhal. Superano le loro sindromi in una citt  di antica cultura, tradizioni, filosofia che ha radici nell’ottimismo e positivit  nel suo stile di vita.
Commedia brillante. Una citt  dove non piove mai sul bagnato, in cui si riesce a superare ogni difficolt  e trovare la coralit  per ribellarsi al potere con Masaniello, rivolta per ottenere la Democrazia nel 1799, Libert  nelle Quattro Giornate del 1943. Un film neorealistico non drammatico, in cui si parla di realt  in modo gioioso e ironico. E’ un omaggio a Viviani, Totò, Eduardo, Troisi e al cinema internazionale anni 60-70.
Non si parla di camorra, spazzatura, cronaca nera, povert , disoccupazione. Sonia, artista del Nord, trova lavoro e denaro per realizzare il sogno di partecipare alla Biennale di Venezia con un sua opera.
E’ una pagina di amore per Napoli e promotrice per incrementare il turismo.

Tra i 30 attori
Nunzia Schiano, Sergio Solli, Antonella Morea, Gaetano Amato, Lucio Caizzi, Antonella Romano, Francesco Paolantoni, Magdalena Grochowska. Aiuto regia Pino L’Abbate, scenografia Antonio Farina, costumi Maddalena Marciano, montaggio Daniele Cantalupo. Claudio Marceddu nella fotografia ha messo in risalto con tagli artistici scorci di monumenti e paesaggi della citt . Musiche originali di Louis Siciliano Aluei hanno vivacizzato i vari episodi. Buoni gli effetti visivi di Rebel Alliance. Produzione Quisquilie Production srl, produttore esecutivo Lucilla De Rosa, distribuzione Mediterranea/Cineone.
Il film, da gioved 1 ottobre, sar  presente in 47 sale, 20 in Campania, 5 a Napoli.

Per saperne di più

www.napolifilmfestival.com/nff

Nella foto, Sergio Assisi sul set del film