È ormai da tempo che il mondo della cultura ha spostato il proprio centro di attenzione dalla semplice conservazione dell’arte alla valorizzazione del patrimonio culturale. Aies- associazione italiana esperti scientifici, d’intesa con il Museo archeologico nazionale di Napoli dedicherà un’intera giornata di studi all’approfondimento del tema.
“La valorizzazione del Museo archeologico di Napoli” è il nome dell’evento che si svolgerà sabato 18 marzo dalle 8.30 alle 18.30, negli spazi dell’Ufficio Educativo del Museo Archeologico, con lo scopo di fare il punto sul nuovo corso gestionale dell’Istituzione Culturale. Sarà un incontro  nel segno della complessità interdisciplinare degli apporti conoscitivi, per capire la strategia gestionale del nuovo Mann, e delle nuove competenze professionali necessarie per la valorizzazione del patrimonio Culturale.
La giornata si colloca nell’ambito della formazione professionale continua per professionisti chimici e architetti che hanno concesso crediti formativi per i partecipanti. La manifestazione ha il patrocinio del Mibact, Regione Campania e dell’Osservatorio Permanente del Centro Storico di Napoli – sito Unesco
Il Mann, da secoli luogo privilegiato dell’arte antica e dell’archeologia classica, sperimenta con decisione una stagione di autonomia gestionale nel contesto del riassetto organizzativo del Mibact. I risultati fin qui ottenuti da Paolo Giulierini, oltre a essere positivi sul piano amministrativo ed economico, delineano il Mann come luogo di sperimentazione gestionale e nascita di nuove esperienze e competenze per la sua Valorizzazione.
La direzione scientifica della giornata di studi è affidata proprio al direttore del Museo, Paolo Giulierini di concerto con Luigi Campanella, direttore del Museo della Chimica dell’Università la Sapienza di Roma.
Nella sezione autorità sono attesi gli interventi del Presidente dell’Osservatorio permanente centro storico di Napoli – sito Unesco e dei rappresentanti dell’Ordine dei Chimici della Campania e l’Ordine degli Architetti di Napoli per un viatico interdisciplinare dei lavori.
L’Aies. L’Associazione ha come scopo la promozione della scienze applicate alla conoscenza e conservazione del patrimonio culturale. L’attività di testimonianza e comunicazione della complessità di approccio alla tutela e valorizzazione del Patrimonio Culturale è svolta attraverso l’organizzazione di seminari, incontri, convegni e ulteriori forme di promozione dell’approccio scientifico alla conservazione e restauro del Patrimonio culturale.
In foto,

Programma delle giornata
Saluto autorità – Presidenti Ordini Professionali
Ciro Buono: Introduzione e note sul tema
Ciro Piccioli: Il Concetto di valorizzazione del patrimonio Culturale, ex legge 42/2004
Luigi Campanella: Diagnostica e Diagnosi
Silvia Neri: La funzione del verde nei Musei
Giuseppe Mascolo: Percorsi diagnostici dei materiali lapidei: il tufo giallo napoletano.
Maria Elisa Cipolletti: Funzione della FPC Interdisciplinare.
Valeria Romanelli: Il ruolo del Fundraising.
Maria Mandato: I giovani professionisti e le opportunità di lavoro nei Beni Culturali
Maria Settembre: La Funzione di sussidiarietà per lo sviluppo dell’economia dei Beni Culturali.
Giuseppe Di Vietri: Il valore abilitante della cultura e profili costituzionali di innovazione professionale.
Rosario Manco: Analisi territoriale.
Ulderico Sicilia: Valorizzazione e gestione documentale per la cittadella di Erbil (Iraq)
Claudia Florio: Tecniche analitiche esempi di applicazione.
Federica Valentini: I nano materiali per la Conservazione del Patrimonio Culturale.
Tavola rotonda: La stesura della Diagnosi

“La valorizzazione del Museo archeologico di Napoli”

Ufficio Educativo del Museo Archeologico di Napoli
sabato 18 marzo, dalle 8.30 alle 18.30
Per info e contatti: ciropiccoli@libero.it
diagnosisculturalheritage.com
In foto, il museo archeologico di Napoli